Quantcast

Giovino, parere favorevole del Comitato tecnico scientifico all’istituzione della Riserva

La decisone comunicata da Walter Fratto dell’Associazione Le Dune

Nella seduta del 21 luglio il Comitato Tecnico Scientifico per le Aree Protette della Regione Calabria ha espresso parere favorevole per l’istituzione della Riserva Naturale Dune a Giovino di Catanzaro. La notizia è stata data in un post su Facebook da Walter Fratto, architetto, uno dei componenti dell’Associazione “Le Dune”, che da anni ormai si batte per un riconoscimento utile a salvaguardare l’area e a promuoverla come bene collettivo e non soggetto ad alcun tipo di speculazione. “Un ulteriore importante passo verso la conclusione positiva di un progetto che ci vede tutti coinvolti”, ha commentato Fratto, certamente soddisfatto sull’attuarsi di un passaggio per nulla scontato anche se del tutto atteso sulla scorta della documentazione scientifica e dell’argomentazione naturalistica.

Il Comitato Tecnico Scientifico, i cui componenti sono di nomina del Consiglio regionale, è organo di consulenza della Giunta regionale ed esprime, secondo la legge istituiva, parere obbligatorio in materia di piani di conservazione e sviluppo dei parchi e delle riserve naturali, sui loro regolamenti, sulla gestione della fauna dei parchi e delle riserve, sulla classificazione delle aree protette.

Il parere giunge al culmine di un’intensa attività dell’Associazione volta a suscitare interesse intorno all’area di Giovino, attività non rivolta solo verso l’opinione pubblica, ma tesa a stimolare la politica regionale e nazionale per il riconoscimento ufficiale che rappresenta un passo fondamentale alla salvaguardia del bene. Soltanto il 7 luglio scorso l’Associazione aveva presentato un progetto di legge per l’istituzione della Riserva Naturale Regionale Dune di Giovino all’attenzione diretta dell’assessore regionale all’Ambiente, dell’assessore alle Infrastrutture, del dirigente del dipartimento Ambiente della Regione, dell’assessore all’Ambiente e al dirigente del settore Programmazione del comune di Catanzaro. Ma risale alla primavera del 2018 la presentazione a Comune e Regione del dossier tecnico-scientifico da cui è scaturita la decisione del Comitato. Un ulteriore obiettivo dell’Associazione, come del resto già contemplato nel dossier, è l’istituzione nell’area di un Centro di Ricerche Floristiche Regionali di cui la regione Calabria ancora manca.

Posta tra i fiumi Castace e Alli, l’area consta di 12 ettari di pineta e sabbia chiara, correndo per 600 metri in lunghezza e occupando quasi 200 metri di terreno sabbioso in larghezza, caratterizzato dall’ecosistema dunale, uno dei pochi ancora resistenti sotto l’avanzare della cementificazione delle coste e del mutamento climatico. Numerose le specie animali e vegetali che vi trovano l’ambiente adatto a vivere, a nidificare e a riprodursi.