Quantcast

Soverato, divieti erogazione bevande distributori automatici: Tar sospende ordinanza sindaco

Dopo l'annullamento dell'ordinanza che prevedeva limiti orari alle stesse attività il Tribunale conferma la sua linea

Il Tar Calabria di Catanzaro ha sospeso, su istanza della ricorrente SAIBA Bar S.r.l., difesa dall’avv. Giuseppe Pitaro, con decreto cautelare presidenziale, l’ordinanza del Sindaco di Soverato, Ernesto Alecci, N. 110 del 16.07.2020, recante il divieto di erogazione al pubblico di alimenti e bevande tramite distributori automatici in locali privi della presenza di responsabili preposti o altri incaricati.
L’ordinanza sindacale sospesa dal TAR è stata emessa dal Sindaco di Soverato in sostituzione di altra ordinanza, la N. 102 del 29.5.2020, già annullata dallo stesso TAR Catanzaro con sentenza N. 1318/2020 poiché illegittima.

Soverato: orari limitati per i distributori automatici, il Tar annulla l’ordinanza del Comune

Il Sindaco di Soverato, con l’ordinanza N. 110/2020, ha, infatti, scrive l’avvocato Pitaro “in maniera pressoché pedissequa, riproposto la medesima ordinanza sindacale, già dichiarata illegittima dai Giudici amministrativi, al fine di vietare alle società operanti nel settore del ‘vending’ la vendita nella fascia oraria compresa tra le ore 24,00 e le ore 06,00 del giorno successivo (nei mesi di luglio ed agosto) e le ore 23,00 e le ore 07,00 (nel periodo compreso tra il 15 dicembre ed il 31 dicembre)”.
Ora, le società operanti nel settore del ‘vending’ come SAIBA Bar, che pagano regolarmente le tasse anche al Comune di Soverato, potranno, liberamente, vendere i loro prodotti senza alcuna limitazione oraria.

“Speranza – prosegue Pitaro – è, adesso, che il Sindaco di Soverato prenda atto definitivamente dei provvedimenti del TAR e li osservi scrupolosamente e, di conseguenza, cessi di emettere provvedimenti restrittivi e vessatori nei confronti di imprese che prestano un servizio alla comunità di Soverato, che pagano regolarmente le tasse e che offrono lavoro a numerosi dipendenti”.
Il Tar, nello stesso settore, infatti, aveva già deciso di annullare, un simile provvedimento preso nei confronti di Mastria Vending, che prevedeva solo un limite orario di distribuzione dalle 7.00 alle 20.00, dando ragione alla società di distribuzione di bevande.
La camera di consiglio, per SAIBA Bar S.r.l., è fissata per il 9 settembre 2020 ed “è inteso – conclude l’avvocato Pitaro – che la mia assistita continuerà a tutelare in ogni sede, non ultima quella penale, le ragioni della sua impresa commerciale”.