Quantcast

Nasce l’osteria popolare Cucineddha, dove la cucina “si fa” insieme agli amici

A Piazza Sant'Angelo, nel cuore del centro storico, l'innovativa quanto tradizionale idea di Giuseppe Paone. Non un ristorante ma un luogo di socialità

Il cuore del centro storico di Catanzaro pulsa. Ci prova. Le oggettive condizioni di difficoltà in cui la città versa, il Covid- 19 non hanno reso sempre tutto semplice. Ma il coraggio, il cuore, la volontà possono sempre un po’ di più .Le gambe e le mani fanno il resto. E hanno potuto anche questa volta. Perché hanno sorretto e spinto Giuseppe Paone a realizzare il suo sogno a dar corpo alla sua visione. Ecco quindi che è nata Cucineddha. Un’osteria popolare, un ristorante sociale, un punto di incontro. Un luogo dove non solo si mangia, ma dove “si fa cucina”

E’ lo stesso Paone a raccontare di cosa si tratta : “L’associazione nasce circa un anno fa, quando trovandomi in un corso formativo di uno chef pluri stellato mi convinse questa idea: un ristorante “sociale”, in cui potere ospitare i suoi amici, condividere con loro il “fare” cucina contribuendo all’esperienza e al background del ristorante”

Niente menù fisso quindi o possibilità di prenotare, ma una sola regola: essere soci per trasformare l’esperienza culinaria in un percorso umano di crescita e di condivisione.

“La cucina sarà altamente versatile, pronta a soddisfare richieste della tradizione e di alta cucina, favorendo sempre la Calabria, ma con un occhio aperto al mondo; da qui la scelta di una madrina d’eccezione, Cristina Bowerman, chef stellata, proprietaria del ristorante romano “Glass Hostaria”, nonché Presidente di Ambasciatori del gusto, che ha preparato, donandolo al ristorante, un menù internazionale”.

 

Il giorno dell’esordio ovviamente ci sono i ringraziamenti da fare “A Mirko Scozzafava, presidente dell’associazione e Bernadette Scardamaglia, comitato direttivo”.

Insomma la piazza ritrova la sua funzione aggregante e oggi anche con un occhio al gusto.