Taverna, gemellaggio con Reggio Calabria in nome di Mattia Preti

In occasione della sottoscrizione formale del gemellaggio tra le due città, saranno allestite due mostre nelle rispettive città con scambio di opere d’arte

C’è affinità  tra Taverna e Reggio Calabria  tant’è che hanno deciso di stringere un privilegiato gemellaggio istituzionale in nome della cultura, dell’arte e della bellezza. Il  patto di amicizia è stato proposto dall’Associazione Italiana Parchi culturali e ha subito trovato il consenso delle due parti: già approvato dalla Città metropolitana di Reggio Calabria in  consiglio Comunale e in procinto di farlo anche Taverna nel civico consesso  del  prossimo 7 agosto .

Gemellaggio in nome di due figure  di spicco della Regione Calabria: Alfonso Frangipane  e Mattia Preti.  Alfonso Frangipane,  il più grande studioso di opere pretiane ,  ha saputo valorizzare, come pochi, il  patrimonio artistico lasciato in eredità alla città di Taverna dal suo figlio più illustre: Mattia Preti. Un ponte ideale costruito con i mattoni dell’arte e della bellezza.

Grande soddisfazione è stata espressa da parte del sindaco  Sebastiano Tarantino e della delegata alla cultura Clementina Amelio  per “l’importante relazione istituzionale che prende avvio con questo gemellaggio, volto a far conoscere, divulgare e valorizzare la storia, la  cultura l’arte della città  e avviare una serie di scambi culturali con la città di Reggio. Il gemellaggio si inserisce nel solco degli obiettivi che questa Amministrazione si è posta sin dal suo insediamento: far conoscere Taverna E  la sua arte. Saranno promosse  grandi iniziative culturali.” Non solo propositi, ma anche fatti concreti. In occasione della sottoscrizione formale del gemellaggio tra le due città, saranno allestite due mostre nelle rispettive città con scambio di opere d’arte di Mattia Preti. Non solo: lo scambio culturale tra le città verterà su altre manifestazioni e attività  culturali.

Il gemellaggio non nasce per caso: tutto  è iniziato il 15 giugno 2019 con il convegno “L’oro di Taverna” , svolto nella sala conferenze della pinacoteca Civica di Reggio Calabria alla presenza dei sindaci Sebastiano Tarantino e Giuseppe Falcomatà  e degli  assessori alla cultura Clementina Amelio e Irene Calabrò  delle rispettive città, dei rappresentanti dell’ associazione italiana parchi d’Italia  e del direttore del Museo Civico di Taverna Prof. Giuseppe Valentino che, magistralmente, ha presentato la mostra sul seicento napoletano  e l’incommensurabile patrimonio di opere d’arte di Mattia Preti custodite gelosamente nel museo civico e nelle chiese di Santa Barbara e di San Domenico.
Una si trova sul  mare e l’altra in montagna, una è grande, l’altra è  piccola:  Reggio e Taverna così diverse e lontane, così vicine e amiche da diventare gemelle.