Conoscere, rispettare e amare la montagna catanzarese, in Sila la notte diventa bianca per tutelare la Biodiversità

Si rinnova l'appuntamento realizzato Reparto Carabinieri tutela Biodiversità di Catanzaro

Nell’ambito delle attività di sensibilizzazione sulle tematiche della sostenibilità ambientale il Reparto Carabinieri tutela Biodiversità di Catanzaro anche quest’anno ha organizzato l’evento “La Notte Bianca della Biodiversità” per favorire l’osservazione e lo studio della fauna notturna e favorire la conoscenza e divulgazione delle Riserve naturali statali e delle attività che in esse si svolgono. L’evento avrà luogo da Martedì 11 a Giovedì 13 agosto nel Centro visita “A. Garcea” in località Monaco-Villaggio Mancuso, a Taverna.

Con il contributo dell’Ente Parco Nazionale della Sila lo staff di educatori ambientali del Centro visita offrirà ai visitatori una serie di eventi per far conoscere come nelle aree protette sia possibile abbinare momenti di svago con approfondimenti culturali sul tema del rispetto dell’ambiente. Nel corso delle tre giornate verranno realizzate visite guidate, laboratori esperienziali e sensoriali per bambini e adulti, eventi e mostre.

A spiegare le ragioni e la sostanza della manifestazione il Colonello Nicola Cucci. 

Si rinnova l’appuntamento con la Notte Bianca della Biodiversità, quanto l’emergenza Covid-19 inciderà o ha inciso su questa manifestazione?

“In continuità con quanto avvenuto negli scorsi anni il Raggruppamento Carabinieri Biodiversità del CUFAA ha organizzato l’evento nazionale “Notte Bianca della Biodiversità”, manifestazione dedicata alla scoperta delle Riserve Naturali dello Stato e delle specie animali notturne.

Il Reparto Carabinieri Biodiversità di Catanzaro, con la collaborazione dell’Ente Parco Nazionale della Sila, ha organizzato nelle giornate del 11, 12 e 13 agosto una serie di eventi presso il Centro Visita “A.Garcea” di  Monaco di Villaggio Mancuso (Taverna CZ) per celebrare la manifestazione e per promuovere la cultura ambientale e la sostenibilità.

Sulla scorta dei dati degli anni scorsi si prevede una numerosa affluenza di visitatori che, a causa della emergenza sanitaria “Covid-19”, potranno intervenire agli eventi in programma nel rispetto delle norme di sicurezza. Pertanto per partecipare agli eventi sarà necessario prenotare la partecipazione alle singole attività che verranno svolte principalmente all’aperto, a numero limitato, e sarà obbligatorio indossare la mascherina e mantenere un distanziamento interpersonale”.

 Il patrimonio della Montagna catanzarese continua ad essere una grande risorsa per tutto il territorio, quali sono le attività e le azioni a tutela e promozione del territorio messe in campo dai carabinieri forestali?

“L’attività dei Carabinieri Forestali si inserisce nel più ampio servizio offerto al cittadino dall’Arma dei Carabinieri volto a migliorare le condizioni di sicurezza generale e garantire l’ordine pubblico rafforzando il legame tra cittadini e forze dell’ordine.

Il servizio di prossimità offerto nelle aree interne marginali quali quelle rurali e di montagna tende a garantire una azione di tutela dell’ambiente naturale e di salvaguardia della biodiversità in sinergia con gli Enti preposti allo sviluppo sociale ed economico del territorio quali gli Enti Parco.

In particolare il Reparto Carabinieri Biodiversità di Catanzaro, che opera su oltre 7 mila ettari di demanio dello Stato posti all’interno del Parco Nazionale della Sila, collabora con l’Ente Parco per valorizzare il territorio e promuovere nel cittadino comportamenti responsabili e sostenibili verso l’ambiente; l’evento “Notte bianca della biodiversità” è parte di tale attività”.

 Quali sono le attività principali previste dalla manifestazione?

Lo staff di educatori ambientali del Centro Visita offrirà ai visitatori una serie di eventi per far conoscere come nelle aree protette sia possibile abbinare momenti di svago con approfondimenti culturali sul tema del rispetto dell’ambiente.

Nel corso delle tre giornate verranno realizzate visite guidate, laboratori esperienziali e sensoriali per bambini e adulti, eventi e due mostre espositive “Impenetrabili Intrecci – esposizione di opere artistiche” e “Figli del Minotauro – mostra sulla transumanza”.

Martedì 11 dalle ore 21,30 si terrà la serata osservativa astronomica “Sotto i cieli del Parco” che consentirà di ammirare le stelle con telescopi professionali ed essere guidati nell’esplorazione della volta celeste oppure sperimentare una passeggiata notturna tra i suoni della foresta.

Mercoledì 12 verrà installato un planetario mobile a cura degli esperti e tecnici della “Associazione Star Freedom Onlus che offrirà spettacoli per scoprire le meraviglie della volta celeste in un viaggio tra scienza, astrologia, tradizioni e miti.

La sera di Mercoledì è prevista una passeggiata notturna alla scoperta delle voci e dei suoni della natura allo scopo di far conoscere l’importante biodiversità presente nelle Riserve dello Stato, consentendo al cittadino di vivere una esperienza notturna di interpretazione naturalistica che cercherà di coinvolgere i sensi passando dall’ascolto dei versi di alcuni animali all’osservazione di flora e fauna.