Quantcast

Consuma atti sessuali con una 13enne, in manette un autotrasportatore di 52 anni. La confessione della ragazza ai genitori

Indagini dei carabinieri della Stazione di Botricello e della Compagnia di Sellia Marina

Era rientrata troppo tardi quella notte. I genitori prima allarmati e preoccupati ma poi subito allertati da quella assenza prolungata, le hanno chiesto spiegazioni di quel ritardo e lei, con l’ingenuità violata dei suoi 13 anni ha raccontato tutto. Una verità terribile e sconvolgente. Un uomo, che si era finto 20enne in chat, l’ha prima adescata e poi, quella notte, ha consumato degli atti sessuali con lei. Ma di anni ne aveva 52.

Così i Carabinieri della Stazione di Botricello hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Catanzaro, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di un autotrasportatore di 52 anni, residente nel nord Italia, che negli scorsi mesi avrebbe consumato atti sessuali con una ragazza tredicenne della provincia di Catanzaro.

Le indagini, condotte dalla Stazione Carabinieri con il supporto di quello del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Sellia Marina, sono state coordinate dal Procuratore Aggiunto,  Giancarlo Novelli, e dal Sostituto Procuratore della Repubblica, Irene Crea.

Gli elementi raccolti hanno permesso di ricostruire come il cinquantaduenne, dopo aver conosciuto e adescato la minore sulla piattaforma di un social network, avesse sfruttato un viaggio di lavoro in Calabria per trascorrere con lei una serata all’interno di una struttura ricettiva, dove è stata posta in essere la condotta illecita.

Per entrare in contatto con la minorenne l’indagato aveva utilizzato un proprio profilo con generalità diverse da quelle reali, spacciandosi per un ragazzo di 20 anni.

Nel corso dell’esecuzione della misura cautelare, i Carabinieri hanno sequestrato vari cellulari che l’indagato teneva a bordo del veicolo da lavoro dallo stesso utilizzato.

Ora l’indagato è stato associato in carcere e nei prossimi giorni ci sarà l’interrogatorio di garanzia.