Richiesta restituzione indennità aggiuntiva: Ordine di Catanzaro a fianco dei medici del 118

Riunione del consiglio direttivo: critiche a gestione commissariale, impegno ad agire presso le sedi istituzionali competenti

Il Consiglio Direttivo dell’ Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri della provincia di Catanzaro – si legge in una nota stampa – riunitosi nel pomeriggio del 07.08.2020 per discutere, tra l’altro, la problematica che coinvolge i medici convenzionati del 118 che
forniscono un fondamentale servizio di urgenza e di emergenza territoriale, si è, in particolare, si è soffermato sul documento del 05.08.2020, a firma del presidente indirizzato a Francesco Bevere- Dirigente Generale del Dipartimento Tutela della Salute.

Con detta nota veniva censurato il comportamento dell’Asp di Catanzaro a seguito della richiesta di restituzione delle somme corrisposte ai predetti medici convenzionati nell’ ultimo decennio e, dunque, del mancato riconoscimento del diritto a ricevere l’ incremento orario pari ad € 5,50 previsto dall’ Air Calabrese. Sono intervenuti nel dibattito diversi consiglieri i quali hanno apprezzato la nota contestativa del provvedimento adottato dall’ Asp di Catanzaro, ribadendo ancora una volta il diritto di detti medici a ricevere la predetta indennità.

Componenti del Consiglio hanno, poi, ricostruito nel tempo le motivazioni e l’ iter, in sede sindacale, che hanno portato alla sottoscrizione dell’ accordo integrativo da farsi valere su tutto il territorio calabrese, diretto a corrispondere l’ indennità oraria a favore dei medici del 118, protagonisti essenziali della sanità pubblica attraverso un’ attività espletata con grande spirito di servizio e competenza. Nel corso del dibattito è stato messo in rilievo l’atteggiamento dell’attuale Direzione Aziendale Commissariale che ancora oggi non intende esaminare quanto statuito nell’ accordo sindacale con particolare riferimento agli aspetti giuridico- amministrativi, omettendo, così, di assumere responsabilmente le dovute determinazioni.

Dopo ampio dibattito, il Consiglio dell’Ordine approva e conferma il contenuto della nota a firma del Presidente, già trasmessa agli organi di stampa, e delibera di agire presso le sedi istituzionali competenti per addivenire ad una definizione onorevole e giusta della problematica, a sostegno della dignità della categoria dei medici del 118. Delibera altresì, nell’ ipotesi in cui i medici intendano ricorrere alle vie legali, di procedere con un intervento ad adiuvandum per la salvaguardia dei diritti dei medici predetti, conferendo sin d’ ora l’ incarico al legale dell’ Ordine, Virgilio Conte”.