Quantcast

Morelli: “Mentre all’ex convento degli Osservanti si cola cemento, la città resta in silenzio su Pittelli”

L'intervento di Stefano Morelli, giovane intellettuale e artista catanzarese

di Stefano Morelli*

Cosa succede in città?
Non succede nulla, è ancora vuota, silenzio per le strade, silenzio nei palazzi.

Cemento in quella che fu la casa e la scuola di Fra Diego da Careri e ora è la casa del procuratore

Solo all’ex convento degli Osservanti, in quella che fu casa e scuola di Fra Diego da Careri, artista profumato di santitá, si lavora e si cola cemento. Ora non é piú casa del frate e dello scultore, ma del procuratore cui giá forse si percepisce nell’aria la stessa fragranza. Da qui, dal luogo dove cittá ha trovato nei secoli il nuovo cuore urbanistico, si vuole smontare la Calabria come un trenino come se il rinnovamento di una societá possa davvero avvenire per via giudiziaria.

Nella chiesa dell’ex Ospedale militare la bella tavola di Antonello de Saliba

Nella chiesa, oggi piccola, una volta enorme, la cui immagine secondo la Zinzi è restituita nella sua monumentalitá gotica dalla bella tavola di Antonello de Saliba ” la Madonna della Ginestra”,

… e il Crocefisso di Giovanni da Reggio

sopravvive il crocefisso di Giovanni da Reggio, allievo di Diego, stremato e sospeso eternamente nell’attimo della deposizione. Anche le tante altre sculture che lo accompagnavano nello scenografico Golgota oggi sono perdute.

Ma su Pittelli il silenzio… il silenzio per il principe uguale al silenzio per gli ultimi

E in cittá non ci sono parole per un uomo, Giancarlo Pittelli, fino a pochi mesi fa chiamato principe e signore; oggi il nulla, distratti dal mare, ancora silenzio. E il silenzio per il principe è uguale al silenzio per gli ultimi. E non ci fa migliori, non aiuta il rinnovamento, ma condanna anche anche noi, pavidi, in attesa sempre di un principe. Ma i principi, come tutti gli uomini, sembrano poter morire nel silenzio, in isolamento, senza giudizio, ma in attesa di un giudizio che ne giustifichi la condanna. Distratti dal mare pensiamo davvero che il rinnovamento possa avvenire in silenzio?

*Artista ed intellettuale