Migranti e barca in fiamme, sono tre le persone morte

Sono rimasti feriti anche alcuni soccorritori

Aggiornamento ore 18.58 

Sono tre e non quattro, come si era appreso in un primo tempo, i migranti morti nell’incendio del barcone davanti la costa del crotonese ed uno è ancora disperso. A riferirlo è la Prefettura di Crotone, secondo cui i morti sono una donna e due uomini. A bordo del barcone, sempre secondo la Prefettura, viaggiavano, complessivamente, 21 migranti. Altri 13 erano sbarcati nella notte a Sellia Marina, dove il barcone era stato intercettato da una motovedetta della Gdf che aveva iniziato a scortarla verso il porto di Crotone. Durante il tragitto c’è stata l’esplosione che ha causato 5 feriti tra i migranti (di cui due con gravi ustioni trasferiti in elisoccorso nell’ospedale di Catanzaro) e due feriti tra i militari della Guardia di finanza che stavano attuando l’operazione di soccorso.

Aggiornalmento ore 15.30 

Si apprende dall’agenzia Ansa che ‘sono stati recuperati i corpi senza vita di quattro migranti, tra cui una donna, che erano a bordo del barcone sul quale si é sviluppato un incendio seguito da un’esplosione. Altri due risultano tuttora dispersi. I feriti sono cinque: due sono stati portati all’ospedale di Catanzaro con gravi ustioni, mentre altri 3 sono ricoverati a Crotone, dove si trovano anche i due finanzieri feriti. Stavano soccorrendo i migranti quando l’imbarcazione è esplosa: la deflagrazione ha causato la frattura di una gamba e l’altro per ustioni. Presso il Centro di accoglienza di Crotone sono state trasferite invece dodici delle persone che si trovavano a bordo della imbarcazione’

 

News ore 14.16

Sei migranti risultano dispersi in seguito all’incidente avvenuto a bordo di un barcone al largo di Crotone e due finanzieri, che stavano assistendo l’imbarcazione, sono rimasti feriti: lo apprende l’ANSA da fonti dei soccorritori, secondo cui i due militari della Gdf sono già stati affidati alle cure del 118: uno avrebbe una gamba rotta e l’altro sarebbe ustionato.