Quantcast

Raffaella Sestito: “Conurbazione è un’idea strategica per Catanzaro”

Mi auguro che il sindaco Abramo e l’intero Consiglio comunale lavorino per intraprendere un percorso che, attraverso fasi condivise, studi e analisi di settore, metta assieme le varie comunità dell’hinterland

Nota della consigliera comunale Raffaella Sestito (Gruppo misto).

“Ritengo sia un’ottima proposta quella di intavolare una discussione con i Comuni dell’hinterland catanzarese allo scopo di giungere, per fusione, alla creazione di una “grande Catanzaro”. Un’idea che da più parti sta prendendo consistenza come rilevato in questi ultimi giorni anche dal “Comitato per la stazione di Catanzaro Sala” e dal movimento civico indipendente “Catanzaronelcuore”; quest’ultimo, in particolare, ha il merito d’aver tentato la strada istituzionale mediante un’apposita mozione votata in Consiglio comunale nel 2006. Alla luce di quanto accaduto di recente con la fusione Corigliano-Rossano, che ha dato vita alla terza città della Calabria per numero di abitanti, penso che la conurbazione per fusione in un unico Comune sia un’idea fortemente strategica per il futuro del Capoluogo di regione e del suo territorio circostante, andando ad impattare positivamente sull’intera area centrale della regione.

L’accorpamento di più comuni limitrofi in un unico Ente non significa semplicemente abbattere alcune “barriere” burocratiche, ma soprattutto garantire servizi avanzati di cui una piccola comunità non potrebbe mai godere, non avendone mezzi, risorse e stimoli. Troppe volte abbiamo udito le lamentele di sindaci frustrati per l’impotenza con cui sono costretti ad affrontare e ad intraprendere determinate iniziative. Al contrario l’Amministrazione, con l’appartenenza comune ad un unico territorio che incontrasse queste esigenze, vi può porre rimedio tramite strumenti e con risposte adeguate, pur mantenendo salve le peculiarità, le vocazioni, le tradizioni e le culture specifiche.

Mi auguro che il sindaco Abramo e l’intero Consiglio comunale lavorino per intraprendere un percorso che, attraverso fasi condivise, studi e analisi di settore, metta assieme le varie comunità dell’hinterland catanzarese in questo ambizioso e utile progetto politico-sociale-amministrativo”.