Strada provinciale Botricello-Petronà, cittadino documenta stato abbandono

Dice la psicologia degli ambienti: in posti brutti anche gli esempi diventano diseducativi

Più informazioni su

Ci sono immagini che sono più eloquenti di tante  parole. Come le istantanee messe insieme da Nicola Lupia, prova provata dello stato di abbandono in cui versa la fruita strada provinciale numero cinque, è la via di comunicazione mare-monti che porta da Botricello porta a Petronà, passando per Belcastro, Marcedusa e Cuturella di Cropani

Scrive il lettore di Catanzaro informa in una lettera che non ha bisogno di chiose:  “Intendo pubblicizzare – argomenta Nicola Lupia- lo stato di abbandono in cui versa la strada provinciale 5 che dalla statale 106 porta all’interno verso i centri di Belcastro, Andali, Petronà, Cerva e il Parco della Sila.

Mi chiedo, è questa la sensibilità che anima i nostri amministratori provinciali nei confronti del turismo e non solo ? Per l’ennesimo anno locali e ospiti si sono deliziati di questa segnaletica e di questo magnifico scorcio palmato che corre verso il mare per circa 500 metri e che non è stato mai ripulito. Senza accennare alla mancata pulizia degli argini delle strade dalle erbacce che vietano la visione dei mezzi in transito con enorme pericolo.

Non è il caso di aggiungere altro, le foto sono fin troppo eloquenti; una chiosa però ritengo sia d’obbligo : quando finirà l’eterna propaganda politica con roboanti proclami, di impulso all’economia, al turismo, al lavoro, ecc.. Quando poi gli effetti contrari sono sotto gli occhi di tutti.” Dice la psicologia degli ambienti: in posti brutti anche gli esempi diventano diseducativi.

Più informazioni su