Santelli sta con Spirlì: “Una delle persone più colte che conosco”

Il presidente della Regione è intervenuta durante la trasmissione radiofonica "Un giorno da pecora". Che cosa volete che sia? Nino è un vecchio amico

Il presidente della Regione Calabria , Jole Santelli, è intervenuta durante la trasmissione “Un giorno da pecora” su RaiRadio1. Oggetto dell’intervista, ovviamente, la polemica scattata dopo le dichiarazioni di Nino Spirlì definite da molti come discriminatorie. Ma non solo. I due conduttori hanno chiesto alla Santelli come preferisce essere definita: “presidenta o governatore” e la risposta è stata diretta con un secco “non me ne f..niente, l’importante è la sostanza”. Poi tanti discorsi e domande sul covid e sull’essere donna con una discussione che si è alternata tra serio e faceto. Pensate, si è parlato anche della capacità di latin lover di Silvio Berlusconi.

E su Spirlì? «Che volete che sia – ha risposto la Santelli ai conduttori che le chiedevano un commento -. Nino è un vecchio amico, è un artista. Le sue parole sono state estrapolate». Santelli non ci trova niente di male. Anzi, ribadisce quello che a suo parere è il concetto cruciale: «Perché nero non si può dire e bianco sì?». I conduttori le fanno notare che Spirlì ha detto “negro”, non nero, che invece si può dire. «Avrà usato una frase idiomatica…E’ delle persone più colte che conosco”.