L’eredità morale di Olga e Vincenzo accende lo sport nella parrocchia di Santa Maria Zarapoti

Obiettivo è incentivare lo sport nel quartiere

Lo sport è come una matrioska: più cerchi, più trovi.

Ne avranno contezza nella periferia della città capoluogo dove sabato prossimo nella sala parrocchiale Santa Maria Zarapoti,  alle ore ore 18,  l’associazione dilettantistica sportiva “Olvi” si presenterà  con tre tipologie differenti di attività sportiva: volley, badminton e soccer.

Una sola iniziativa, molteplici gli obiettivi: avviamento alla pratica sportiva costante per uomini e donne ; coinvolgimento degli  imprenditori nella promozione  dello sport come palestra di vita e riscatto sociale;  incentivazione della pratica sportiva  come corretto stile di vita;  educazione al rispetto e al fair play; sinergie con le scuole per vincere insieme la vita sedentaria.

La manifestazione inaugurale  è promossa in sinergia con  il Comitato territoriale Calabria centro, Badminton e Libertas.

Olvi sta per Olga e Vincenzo, due cittadini catanzaresi scomparsi, ma al cui eredità non è caduta nel vuoto: promuovere lo sport per tutti e per ciascuno, incentivare lo sport per anteporre  nuovi orizzonti al posto del vuoto sociale.