Fondazione Betania: ritardi nei pagamenti. Proclamato lo stato di agitazione

In mancanza di notizie confortanti scatterà lo sciopero di due giorni

Assembla sindacale, nei giorni scorsi, con i lavoratori della Fondazione Betania. La discussione con le sigle sindacali ha avuto come ordine del giorno i ritardi nell’erogazione degli stipendi.

 

Secondo quanto riferito dai sindacati la Fondazione ha retribuito solo il 50% dello stipendio di luglio e, ad oggi, i lavoratori sono creditori delle spettanti mensilità di gennaio, febbraio, marzo, aprile, il restante 50% di luglio e la 14sima mensilità, agosto e settembre.

A questi crediti si aggiungono gli arretrati e le indennità contrattuali per gli ex contrattualizzati Anaste e Aris. Dal confronto con i lavoratori è emersa la volontà di dichiarare lo stato di agitazione annunciato eventuali due giorni di sciopero, in data da definire, qualora non dovessero arrivare notizie confortanti.