Asp di Catanzaro, il Tar boccia il Piano dei controlli 2020

Accolto il ricorso di Villa del Sole e Villa Serena

Il Tar Calabria ha bocciato il Piano dei controlli 2020 emanato dall’Asp di Catanzaro  per la verifica delle prestazioni da ricovero degli erogatori privati accreditati.

Con sentenza n. 1640 del 16 ottobre 2020 il Tar ha accolto il ricorso di Villa del Sole e Villa Serena, così condividendo le censure mosse dalle due cliniche.

Secondo gli erogatori privati – ed oggi anche secondo il giudice amministrativo – il piano dei controlli varato dall’Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro aveva un contenuto che andava ben oltre le competenze che le Leggi nazionali e regionali affidano alle Aziende Sanitarie le quali, ad avviso del Tar, non possono mai integrare il proprio Piano controlli con elementi di valutazione concernenti anche i criteri per la remunerabilità delle prestazioni.

Il Tar, accogliendo le tesi di Villa del Sole e Villa Serena, afferma che, in stretta aderenza alle linee guida dettate dalla Regione in materia, l’Asp si doveva limitare a definire esclusivamente le modalità per la verifica delle prestazioni degli erogatori privati, lasciando alla competenza della Regione la definizione per i criteri di remunerazione delle medesime prestazioni. Villa del Sole Srl era assistita dall’avv. Domenico Francesco Donato di Alfa legal, Villa Serena dall’Avv. Raffaele Silipo.