Ospedale attrezzato come per la prima emergenza di marzo

La commissione igiene e ambiente ha tenuto un sopralluogo al Pugliese-Ciaccio

La commissione igiene e ambiente, presieduta da Eugenio Riccio, alla presenza dei consiglieri Consolante, Manuela Costanzo, De Sarro e Gallo, ha tenuto un sopralluogo all’ospedale Pugliese-Ciaccio per verificare l’attuale gestione dell’emergenza covid. Al confronto hanno partecipato il direttore del Dipartimento emergenza-urgenza, Giuseppe Masciari, il direttore sanitario di presidio, Gianluca Raffale,e e il direttore delle professioni sanitarie, Caterina Puntoriero.

“Si è preso atto che, a causa della mancata attuazione del dca 91, nonostante l’azienda Ospedaliera abbia effettuato tutti gli adempimenti richiesti per tempo, la situazione, rispetto alla prima emergenza nn è cambiata e l’ospedale Pugliese è costretto ad utilizzare i precedenti percorsi e le precedenti risorse per affrontare anche questa seconda fase. Data la drammaticità con cui si preannuncia questa seconda fase anche sul nostro territorio, è necessario il supporto di territorio e degli altri Presidi del comprensorio poiché l’ospedale Pugliese da solo, nonostante gli sforzi di tutto il management dell’azienda, di sanitari e parasanitari, nn può farcela. Il Pugliese, ora come non mai, ha bisogno di fatti urgenti e subito”.

“Si sono persi i mesi estivi senza realizzare nulla di concreto e, oramai, il reparto malattie infettive all’ospedale è vicino al collasso. Chi doveva vigilare sui lavori del centro covid regionale non lo ha fatto ed oggi tutti i cittadini ne pagano le conseguenze. A Catanzaro si rischia un’emergenza nell’emergenza. Auspichiamo, pertanto, un pronto e immediato intervento di tutte le autorità preposte alla tutela della salute pubblica, a partire dal sindaco e dal prefetto. Non bastano provvedimenti straordinari, adottati nell’urgenza, per nascondere i fallimenti che si stanno registrando a tutti i livelli istituzionali su questa vicenda”.