Quantcast

Fiumi di droga tra Catanzaro, Borgia e Girifalco. Notificati 16 avvisi di conclusione indagini (NOMI)

In azione i Carabinieri

Un fiume di droga tra Catanzaro, Borgia e Girifalco. Sono 16 le persone a cui i Carabinieri del comando Provinciale di Catanzaro, guidato da Antonio Montanaro, quelli del reparto operativo agli ordini di Giuseppe Carubia, della compagnia di  Catanzaro agli ordini di Ferdinando Angeletti e di Girifalco guidati da Felice Bucalo, che hanno ricevuto una notifica di conclusione indagini. Gli indagati sono accusati a vario titolo di spaccio di sostanze stupefacenti, come facenti parte, si legge nel provvedimento firmato dai sostituti procuratori Corrado Cubellotti e Stefania Paparazzo, di un disegno criminoso. Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Catanzaro, guidata da Nicola Gratteri, si riferiscono a fatti che sarebbero accaduti tra il 2016 ed il 2017.

Si tratta di Salvatore Zofrea (Catanzaro 25 agosto 1980), Sharon Codamo (Soveria Mannelli 16 gennaio 1994), Andrea Mazza (soverato 25 agosto 1996), Francesco Migliazza (Soverato 9 aprile 1996), FranRocco Panduri (Soveria Mannelli 16 gennaio 1994), Raffaele Quaresima (Catanzaro 19 settembre 1996), Sandro Ielapi (Catanzaro 12 gennaio 1975), Salvatore Condito (Catanzaro 31 maggio 1976), Giovanni Melina (Cremona 27 luglio 1993), Alberto Loiarro (Catanzaro 17 novembre 1985), Rocco Melina (Girifalco 28 febbraio 1972), Antonio Abbruzzese (Catanzaro15 febbraio 1997), Palleria Vincenzo (Lamezia Terme 21 dicembre 1979), Palleria Rocco (Catanzaro 21 giugno 1988), Francesco Sestito (Girifalco 30 agosto 1974).

La nota dei Carabinieri: Nella mattinata del 7 novembre i Carabinieri della Compagnia di Girifalco hanno proceduto a notifica di avviso di conclusione indagini emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Catanzaro nei confronti di 16 indagati, ritenuti a vario titolo coinvolti, anche in concorso, in attività di detenzione e vendita al dettaglio di sostanze stupefacenti. Il provvedimento è esito di articolate attività d’indagine condotte nell’abitato ai piedi di Monte Covello tra la fine del 2016 e l’inizio del 2018, denominate “Dietro il corso” e “Pietra dei Monaci”, nel corso delle quali i Carabinieri hanno operato anche con servizi di osservazione e pedinamento. L’attività investigativa ha permesso di rappresentare all’Autorità Giudiziaria la diffusione di stupefacenti tra i giovani girifalcesi, nei pressi della via principale della cittadina e nei vicoli del centro storico, riscontrata da arresti in flagranza e dal sequestro di marjuana, cocaina ed eroina.