Quantcast

Morto improvvisamente l’amministratore unico delle Ferrovie della Calabria

Il ricordo dei vertici aziendali: ""Dirigente validissimo del Ministero dei Trasporti"

E’ morto improvvisamente l’amministratore unico delle Ferrovie della Calabria, Antonio Parente. Aveva 52 anni. A darne notizia sono il coordinatore generale dell’azienda Aristide Vercillo Martino e i dirigenti Sergio Aiello, Alessandro Marcelli, Santo Marazzita e Alfredo Sorace.

“Dirigente validissimo del Ministero dei Trasporti – afferma Vercillo Martino – era legato da tempo alla nostra società avendo già ricoperto il ruolo di componente del collegio sindacale. Sin dall’inizio del suo incarico Antonio Parente ha sempre perseguito l’obiettivo di portare Ferrovie della Calabria al centro del trasporto regionale con impegno ed abnegazione, tracciando le linee strategiche necessarie per il suo potenziamento e il suo sviluppo, ed avendo sempre a cuore, al tempo stesso, le sorti del personale della Società”.

“Personalmente ringrazio Antonio – conclude Vercillo Martino – per la sua amicizia e la stima mostrata incaricandomi del ruolo che svolgo in Società per la quale moltiplicherò, anche per lui, l’impegno e la passione al fine di raggiungere gli obiettivi che si era prefissato e che stavamo perseguendo insieme agli altri dirigenti e al personale tutto. Ci stringiamo attorno alla famiglia ed in particolare alla figlia Aurora in questo momento così doloroso”.