Quantcast

Regione, contributo una tantum destinato ai professionisti: “Oltre il danno, la beffa”

Nota stampa dell’ordine degli ingegneri e dei geometri: “Chi è iscritto ad un albo professionale non ha diritto al bonus”

La Regione Calabria, nell’ambito del POR CALABRIA FESR-FES2014-2020, ha emanato un Avviso pubblico relativo al Contributo una tantum di € 1.500,00 destinato alle imprese ed ai professionisti  che hanno subito gli effetti negativi della crisi generata dalle misure di contenimento conseguenti all’emergenza Covid-19. La dotazione finanziaria disponibile per le richieste selezionate è pari a € 65milioni. Le domande dovranno essere inviate tramite un’apposita piattaforma informatica a partire dalle ore 10,00 del giorno 19 novembre fino alle ore 20,00 del giorno 24.

A parte la prolissità con cui è stato redatto il suddetto Avviso, c’è da evidenziare che pur essendo diretto ai professionisti aventi un codice ATECO, come richiesto specificamente dall’Avviso al punto 2.1.1., gli stessi  sono poi esclusi da questo beneficio in quanto iscritti ad albi o collegi professionali, dovendo invece essere solo iscritti alla Gestione Separata INPS, oltre alla Partita IVA, come prescrive l’Avviso nel punto 2.2.1. lettera g) III.

Ciò significa che ingegneri, architetti, geometri, geologi, periti industriali e agrari, avvocati, dottori agronomi e forestali e via proseguendo pur avendo un relativo codice ATECO ricompreso nell’Allegato B, come recita l’Avviso non possono inoltrare la domanda per beneficiare dei 1.500,00 euro in quanto iscritti ai rispettivi albi o collegi. Un’assurdità burocratica che non sta né in cielo né in terra. Ma solo nella cittadella regionale! Evidentemente chi sta nei piani alti di quel palazzo ignora che per l’esercizio delle professioni sopra elencate è obbligatorio per legge l’iscrizione nei rispettivi albi o collegi, altrimenti quell’esercizio professionale si profila abusivo e come tale perseguibile penalmente.

Quindi anche quel professionista che è iscritto alla Gestione Separata INPS deve obbligatoriamente essere iscritto nel suo albo o collegio. Ne consegue, quindi, l’esclusione da questi sbandierati benefici regionali di tutti i professionisti calabresi che in questo drammatico momento stanno vivendo in condizioni di estrema disagio economico e sociale.

Come suol dirsi, oltre il danno la beffa!

 I Delegati INARCASSA per gli ingegneri e architetti delle province di Catanzaro e Crotone

Ing. Salvatore Saccà- arch. Caterina Zizzi              ing. Roberto Federico-arch.Carla Bisceglie