La Corte dei Conti rileva delle criticità nel bilancio della Regione

Invito, rivolto al presidente della Giunta a provvedere all'adozione  delle "misure conseguenziali"

Sono dodici le criticità  che la sezione regionale di controllo della Corte dei Conti ha  riscontrato nell’analisi del bilancio di previsione per gli anni  2020-2022 della Regione Calabria, bilancio approvato nello scorso mese di aprile. A evidenziare le criticità la deliberazione numero 199 adottata dalla Camera di consiglio della sezione di controllo della magistratura contabile. Nel  dettaglio, la Corte dei Conti evidenzia “il ritardo nell’approvazione del bilancio di previsione (esercizio provvisorio) e quindi il ritardo nell’approvazione del Defr e della legge di stabilità” da parte della Regione Calabria, “la  mancata adozione del “piano degli indicatori e dei risultati attesi di bilancio” da parte di alcuni degli enti ed organismi strumentali, la mancata attuazione del Piano annuale delle  assunzioni 2020 da parte del Consiglio regionale, la carenza negli accertamenti e riscossioni rispetto alle previsioni relative all’attivitaà di ricerca e repressione delle violazioni  tributarie”, e ancora – si legge nella delibera dei giudici contabili – “la mancata chiarezza sugli obiettivi derivanti dalle misure di razionalizzazione/revisione delle partecipazioni societarie direttamente o indirettamente possedute” e “la  mancata chiarezza sulle criticità evidenziate nelle previsioni  di entrata in riferimento alla riscossione dei crediti nei confronti dei Comuni relativamente alla fornitura del servizio  idrico e nella gestione dei rifiuti solidi urbani”.

La Corte dei Conti, inoltre, registra “criticità sulla coerenza tra il  bilancio preventivo economico annuale, redatto dai singoli enti del servizio sanitario, e la programmazione sanitaria ed economico-finanziaria della Regione e quindi il bilancio di previsione della Regione stessa; la mancata adozione del bilancio consolidato del Servizio sanitario regionale, la mancanza di chiarezza sulla integrazione dei contratti dei direttori generali e dei direttori amministrativi degli enti del servizio sanitario, la mancata sottoscrizione di una parte dei contratti che definiscono i volumi delle prestazioni erogabili dagli operatori privati accreditati, la mancanza di chiarezza sulla ricognizione dei debiti verso i fornitori degli enti del servizio sanitario regionale e della gestione sanitaria diretta, scaduti al 31 dicembre 2019”.

La delibera della Corte dei Conti si conclude con l’invito, rivolto al presidente della Giunta e al presidente del Consiglio regionale della Calabria, a provvedere, per la parte di relativa competenza, all’adozione  delle “misure conseguenziali”.