Burger King Catanzaro, il soffio della prima candelina

Partiti alla grande, poi il lockdown: il team catanzarese prosegue la sfida con coraggio e determinazione, sempre a fianco dei clienti

Prima candelina per Burger King Catanzaro che, proprio lo scorso anno, ha inaugurato i suoi locali in piazza Matteoti tra entusiasmo, gioia, sorrisi e abbracci. Un anno di risultati per il team catanzarese che ha stretto i denti ed è andato avanti con determinazione e forza di volontà anche nei duri momenti che la pandemia ha riservato alle realtà imprenditoriali del settore ristorazione. Un anno particolare in cui la squadra ha saputo distinguersi e lavorare sodo per offrire sempre il meglio ai suoi clienti, distinguendosi per qualità e cortesia.

“Abbiamo ottenuto risultati positivi da subito e con entusiasmo affrontato la sfida di avvio di una nuova attività nel capoluogo di regione – ha spiegato Alfredo Iembo che con audacia e amore per la città ha deciso di investire in questo marchio – siamo partiti alla grande con spirito positivo, ottenendo numeri e soddisfazione da parte della nostra azienda.”

Poi il primo lockdown che ha dato una brutta battuta d’arresto a tante attività:

“Non è dipeso da noi e questo lo sappiamo, ma è innegabile che la pandemia ha influenzato il nostro percorso lavorativo non risparmiandoci – ha proseguito – siamo andati avanti lo stesso grazie al servizio di delivery, rimanendo a fianco dei nostri clienti e lavorando con la professionalità che ci ha contraddistinto fin dal primo giorno. Sono contento della mia squadra, dei miei ragazzi, perché insieme abbiamo affrontato e stiamo affrontando questa sfida difficile, la speranza non è venuta mai meno e proseguiamo per la nostra strada.”

Il soffio della prima candelina per il Burger King Catanzaro è dunque all’insegna della determinazione e della speranza, quella di poter tornare a lavorare a pieno ritmo, accogliendo i clienti con quel sorriso oggi celato dietro una mascherina, per ricominciare a sognare in grande.

La foto di copertina è stata scattata durante la festa di inaugurazione dello scorso anno