Consiglio comunale a Sellia: polemiche tra maggioranza e minoranza

L'opposizione lascia l'aula. Incalza il sindaco Zicchinella

Più informazioni su

Ieri, lunedì 30 novembre, consiglio comunale su bilancio di previsione e opere pubbliche: parlare di diatribe  è un eufemismo. Da una parte la maggioranza, dall’altra parte la minoranza: in mezzo un muro di incompatibilità.

Il gruppo di opposizione ha lasciato l’aula, scatenando  così le reprimende del primo cittadino del piccolo borgo presilano. E’ un fiume in piena il consigliere provinciale Davide Zicchinella:

Sono sindaco da 12 anni. Avevo 19 anni  quando per la prima volta mi sono seduto fra i banchi di un Consiglio Comunale in qualità di rappresentante eletto dai cittadini. Era il 1994. Il comune era Magisano. Sono stato poi capogruppo ed Assessore (Bilancio, Cultura ed Attività Produttive). Poi sono “sbarcato” a Sellia. Ho perso il conto dei Consigli fatti. Se sommiamo quelli della Comunità Montana, e negli ultimi 5 anni, della Provincia arriviamo a numeri impressionanti. Ho 45 anni (freschi freschi) e 26 anni di attività politica molto dei passati  nelle istituzioni locali. Ieri mattina abbiamo tenuto un Consiglio Comunale a Sellia. Un consiglio importantissimo. Approvavamo Dup, Piano delle Opere Pubbliche, Bilancio di Previsione. La Pandemia ha ritardato ogni cosa. La Pandemia è riuscita a far votare insieme a Roma partiti che sono su fronti opposti ognuno contro l’altro armato. Ma non a Sellia. Anzi.

  Il capogruppo di minoranza prima che iniziassero i lavori ha abbandonato, insieme agli altri due consiglieri del suo gruppo, l’aula dichiarando che non avrebbe mai garantito il numero legale. 

Alla mia risposta che gli occorreva un ripasso di matematica (ma serio!) perché i numeri li avevamo lo stesso, invece di scusarsi per la superficialità di una azione senza senso ( pensare che la capogruppo di minoranza è stata pure sindaco) e rimanendo al proprio posto vista l’importanza sei temi da trattare, sono comunque andati via. I lavori sono iniziati ugualmente essendo addirittura 7 consiglieri (un solo assente giustificato nel nostro gruppo) su 11 e tutte le pratiche sono state approvate. Se fossero rimasti avrebbero appreso del grande lavoro fatto per far quadrare i conti del nostro comune.  Gli oltre 5 milioni di euro programmati e finanziati. 10 mila euro a testa per cittadino! L’amore e la dedizione con cui insieme ai ragazzi della mia squadra stiamo lavorando per fare grande Sellia. Ieri mattina ognuno ha dovuto fare sacrifici per essere presente. Catia anticipare la visita ginecologica.  Presto diventerà mamma. Anna alzarsi presto per far trovare pronto alle bambine che tornavano da scuola. Ha tre figli.  Antonio Merante e Concetta hanno rinunciato a una lezione ciascuno dell’Università. Cesare alzarsi alle 5 di mattina per poter uscire prima dal lavoro. Vincenzo preparare nel pomeriggio la lezione dei propri studenti.  Antonio Ferragina non  ce l’ha fatta ad essere presente. Lavorava. Ha un contratto a termine e spera gli venga rinnovato. Ha però mandato 100 messaggi di scuse. Questione di responsabilità. Questione  di amore verso la propria comunità. #Avantitutta.

Constatazione: c’è poco  dialogo tra le due fazioni politiche selliesi.

Più informazioni su