Polizia, va in pensione il commissario Affatigato: il ringraziamento e il saluto di Brugnano (Fsp)

"Ci ha resi tutti più ricchi con poche parole e tanti esempi. Buona continuazione Piero"

Ho avuto il piacere e l’onore di conoscere Piero Affatigato diversi anni fa
scrive Giuseppe Brugnano Segretario Nazionale del Sindacato di Polizia FSP – io giovanissimo poliziotto lui illiminato Ispettore della prima ora all’epoca e punto di riferimento della Digos catanzarese.

D’allora il tempo sembra essere volato senza minimamente arrestarsi, da oggi il Commissario Piero Affatigato, per tanti semplicemente Piero, lascia la nostra Amministrazione dopo quasi 40 anni di onorato servizio per essere collocato in quiescenza.

Tantissimi sono i ricordi in questi lustri che vorrei raccontare e rispolverare, belli e brutti, in servizio e non, tutti vissuti intensamente.

Ma oggi è tempo di festeggiare Piero, perché per una persona come lui deve essere un giorno festoso per andare avanti nella vita di tutti i giorni.

Poliziotto fedele, marito e padre amorevole, amico fidato, sindacalista illuminato, uomo di cultura e di compagnia leggera quanto necessaria, che le due cose possono stare insieme.

È questo è Piero Affatigato.  No in realtà, non è vero.  Piero è molto di più.

È il Funzionario della Polizia di Stato gentile e determinato, gentile anche quando il momento richiede fermezza.

Personalità da vendere, cuore da conquistare con la certezza che una volta entrati lì dentro si sarà al sicuro.

Piero è la persona con cui parlare di tutto o stare in silenzio facendo finta di nulla nei momenti più difficili, con la consapevolezza che quel nulla non sarà mai un niente, perché anche nel silenzio Piero Affatigato ha guidato, condotto, aiutato, ha affermato le proprie idee con un’unica stella polare, restare fedele a quella Divisa che ha scelto di indossare lasciando in quegli anni 80 la sua Palermo per arrivare a Catanzaro, che ha onorato ogni giorno “mai libero dal servizio”.

Piero è stato Uomo tra gli Uomini, nessun grado in più lo ha separato dai colleghi più giovani,  nessun sentimento di stima e di affetto personale ha mai sminuito il suo ruolo apicale.

Piero ci ha resi tutti più ricchi con poche parole e tanti esempi. E per questi esempi i poliziotti gli saranno sempre grati. Buona continuazione Piero, dai tuoi amici poliziotti.