Autorizzati per tagliare alberi in una zona in realtà disboscavano altre aree, denunciati

Intervento dei militari della stazione dei carabinieri forestali a Platania

Più informazioni su

Nel corso di due distinte operazioni in boschi in corso di utilizzazione, nel comune Platania nelle Località Savocà e Sacramento, gli uomini della stazione Carabinieri forestale di Lamezia Terme hanno accertato che erano state tagliate abusivamente numerose piante di castagno  e di cerro, in terreni boscati soggetti a vincolo paesaggistico e a vincolo idrogeologico.

In particolare i militari, in un caso, individuata l’area, di proprietà privata interessata dal taglio, hanno proceduto alle verifiche di rito dalle quali è emerso che la ditta, utilizzando una comunicazione di facciata alla regione per altre particelle, senza alcuna autorizzazione tagliava invece abusivamente cinquanta  piante di alto fusto di castagno e tutti i polloni presenti su altre cinquanta ceppaie di castagno, in un comprensorio boscato esteso circa 10750 metri quadri.

Eseguiti pertanto gli accertamenti e i rilievi di rito, anche tramite i servizi del SIFA,il responsabile del taglio abusivo, è stato deferito all’autorità giudiziaria  per deturpamento di bellezze naturali e violazione delle norme sul vincolo paesaggistico, procedendo anche al sequestro dell’intera superficie boscata, di tre cumuli di legname già sezionato in tronchi e di due trattori,

Nell’altra operazione, nel corso di un taglio in un terreno boscato di proprietà del comune di Platania, regolarmente autorizzato, nell’ambito di un piano di gestione forestale dello stesso comune, è stato invece accertato che erano state tagliate in difformità da quanto previsto nel progetto di taglio circa duecento matricine e quattro piante di cerro, procedendo alla contestazione di violazioni amministrative alle norme sul vincolo idrogeologico, per un importo complessivo, in misura ridotta di circa 5.500 euro.

Più informazioni su