Istituto Manzoni, il presidente del Consiglio d’Istituto contro la commissione Lavori Pubblici

Polemica sulla presa di posizione dell'organismo consiliare

E’ firmata dal presidente del Consiglio D’Istituto, Eugenio Marino, la risposta alla nota dei componenti della commissione Lavori Pubblici avente ad oggi presunti assembramenti.

“Leggo nuovamente – si legge nella nota – con rammarico che la Commissione lavori pubblici si accanisce contro l’Istituto Comprensivo Catanzaro Nord/est “Manzoni”. Credo che tutto questo succeda perché la Commissione ignora che i lavori al plesso Catanzaro nord est Manzoni, iniziati il 26 novembre, ancora non hanno avuto termine. Ricordo che alcuni componenti della commissione hanno raggiunto quei luoghi per due volte , la seconda volta ricordo di esser stato presente suggerendo anche alla presenza degli assessori Longo e Russo, i seguenti lavori: 1) posizionamento di n° 5 paletti davanti l’ingresso principale della scuola “Manzoni” per evitare di far parcheggiare e/o transitare le autovetture in concomitanza degli orari d’ ingresso e d’uscita dei nostri ragazzi dalla scuola ; 2) Sistemazione e messa in sicurezza dell’entrata laterale all’interno del campo di calcetto, con posa in opera di soglie di marmo mancanti e ripristino funzionalità porta; 3) Sistemazione scala antincendio sempre lato campo sportivo (ripristinando le barre in ferro mancanti lungo la ringhiera di protezione della scala) da usare anche questo come ingresso e uscita dei nostri figli/e; 4) Sistemazione ringhiera di protezione dell’ingresso piano primo vicino palestra (pericolante e pericolosa in quanto non ancorata alla muratura sul lato sinistro) 5) Pulizia e chiusura dei cancelli della palestra (abbandonata e non fruibile purtroppo dai nostri ragazzi ormai da circa 30 anni” lo sapevate” credo di no), pulizia necessaria, perché è vicino all’ingresso di cui al punto 4, ma soprattutto perché questo ingresso viene usato, mentre voi scrivete sui giornali, da una nostra alunna diversamente abile che proprio per questo dovrebbe essere trattata con tutto l’amore e la passione che la Politica con la P maiuscola dovrebbe dare. Dei 5 punti sopra esposti, solo i primi due sono stati iniziati e portati a termine, gli altri mai iniziati e mai conclusi. Lavori quelli dei punti 1 e 2 conclusi giorno 2 c.m .(mi spiego dicembre 2020), con la posa dei due paletti estraibili”.

“Quindi perché tutto questo clamore mediatico da parte del presidente della commissione lavori pubblici, se proprio la commissione non ha vigilato sui lavori che si sarebbero dovuti effettuare? – si chiede Marino. Si rende conto la commissione lavori pubblici e il suo presidente nonché i consiglieri firmatari dell’articolo, che hanno dimostrato di non avere contezza di quali lavori l’amministrazione ha concluso e quali ancora in corso?

Perché tutti i consiglieri che sono firmatari della nota stampa non si sono mai visti nelle vicinanze del nostro Istituto tranne alcuni nelle due commissioni?

Vogliamo scrivere ai nostri cari consiglieri che da giorno 2 dicembre fine dei lavori (parziali) la nostra scuola si è adoperata affinché la prossima settimana giorno 9 dicembre si potesse entrare anche dall’unico ingresso sistemato, difatti il responsabile aveva già approntato il nuovo orario per poi pubblicarlo sul nostro sito Istituzionale, ma credo che i consiglieri che mai abbiamo visto vicino al nostro plesso, disconoscano il fatto che davanti al cancello, che i nostri figli dovrebbero attraversare per entrare dal nuovo ingresso, vi è una perdita d’acqua tempestivamente da noi segnalata all’ufficio comunale competente. Quindi gentilmente prima di scrivere castronerie e diffamare un’istituzione scolastica che tenta di rendere la vita dei nostri figli/e, più vivibile, soprattutto in questi periodi molto difficili, pensate a fare la politica del bello e del costruttivo per il futuro dei nostri/ vostri figli/e, uomini e donne del nostro futuro. Inoltre avremmo desiderio di vedere la palestra della nostra amata scuola utilizzabile per i nostri figli così come la utilizzavamo noi circa 40 anni orsono”.