Quantcast

L’arte di Massimo Sirelli, il lavoro dei ragazzi di Solid Ale Beer. E’ nata Zazà: la birra ‘sociale’ made in Catanzaro

L’anice nero della Sila, la creatività, lo scopo solidale: l’unione fa la forza in  modo speciale nei momenti di crisi

Si sono incontrati tramite un amico comune. Hanno creato una nuova birra speciale: si chiama Zazà. E’ completamente made in Catanzaro. Nell’etichetta c’è l’estro, il tratto unico, i colori, la sensibilità, la dedizione dell’artista di Catanzaro Massimo Sirelli. Nella birra c’è sia la tradizione di Solid Ale Beer, già premiato da Catanzaroinforma col premio Catanzaroinforma 2018–  il microbirrificio catanzarese portato avanti da Luciano Ricci e dal lavoro dei ragazzi con sindrome di Down. Una birra unica creata per l’occasione. Nella ricetta infatti c’è un ingrediente nuovo: è l’anice nero della Sila. Perché? Per un motivo molto semplice. ‘In questo momento così difficile per l’economia – spiega Luciano Ricci – non si può dimenticare che Solid Ale Beer non è un progetto ma è un’impresa a tutti gli effetti  che ha costi, stipendi da pagare, e al momento ragazzi in cassa integrazione. Questa iniziativa all’insegna della creatività, della bellezza e del talento di Massimo Sirelli speriamo abbia una ricaduta sulla salute del nostro lavoro. Di Massimo devo dire che mi ha colpito l’entusiasmo sincero con cui ha sposato l’iniziativa. La sua sensibilità sociale. Sapevo che è già testimonial anche al livello nazionale di iniziative solidali. Ma qui si è aggiunto un fattore in più. La nostra ‘catanzaresità’ che ci unisce”.

Guardiamola l’etichetta. Bella, gialla, allegra. Zazà è un piccolo robot, curioso e sveglio, che nasce dalla testa e dalle mani di Massimo Sirelli che – raccontano da Solid Ale Beer  -“un luogo bello in cui fermarsi lo ha trovato davvero: il micro birrificio solidale Solid Ale Beer.  Così Sirelli ha lasciato che il suo Zazà riempisse le etichette della nuova birra Solid Ale Beer e la birra, per ringraziare il suo nuovo amico metallico, ha preso il suo nome.  Nasce così la birra Zazà, in edizione speciale e limitata di 500 pezzi unici e numerati, con il gusto dell’anice nero della Sila. I colori e la creatività di Sirelli si sono mescolati al gusto e alle diversità uniche di Solid Ale Beer e, insieme alla terra natale di entrambi, hanno dato vita a una nuova e speciale collaborazione, che unisce arte e solidarietà, amicizia e talento, sorrisi e dedizione.

La birra Zazà nasce da una ricetta belga d’abbazia, con l’aggiunta speciale di anice nero della Sila, una spezia rara e preziosa che cresce spontanea sulle montagne calabresi. L’anice nero mescolato con il luppolo e quattro diversi malti, dona alla birra Zazà dolci note di liquirizia e una perfetta punta di amaro nel finale”. Non ci resta che bere Zazà. Perché è una birra solidale, perché è buona, è fatta con amore e ha il marchio di un artista di Catanzaro che ci ha creduto.