Coronavirus, individuati i primi quattro hotel Covid in regione

Nel Catanzarese a Caraffa, Belcastro e Falerna

Più informazioni su

    La protezione civile della Regione Calabria ha concluso le trattative per siglare i contratti con le prime quattro strutture destinate ad accogliere pazienti in via di guarigione dal Covid. Si tratta di alberghi destinati ai pazienti positivi al tampone ma che non possono fare la quarantena nel proprio domicilio (in tutto 600 posti) ed a quelli paucisintomatici (previsti 400 posti).

    Gli hotel che possiedono i requisiti richiesti sono il Poligermaneto a Caraffa di Catanzaro, nei pressi dell’Università, con 25 posti letto, dell’ Onda Bleu di Belcastro sulla statale 106, dell’hotel Primavera a S. Maria del Cedro, nel cosentino, con 30 posti e dell’hotel Victoria a Bagnara, Reggio Calabria, con 41 posti.

    A questi si aggiungeranno il villaggio Eucallipto di Calopezzati (Cosenza) con 19 posti, l’Eurolido di Falerna (Catanzaro) con 130 posti e l’Esperia di Pizzo (Vibo Valentia) con 50. Rimane scoperta la provincia di Crotone ma per il momento non ci sono molte esigenze: l’unico ospite è un cittadino col doppio passaporto Italia e Bangladesh in transito a capodanno presso l’aeroscalo di Lamezia Terme, sistemato presso il Poligermaneto (Lapresse).

    Più informazioni su