Unci: “No riprese a processo Rinascita Scott priva la storia di una testimonianza formidabile”

E' quanto afferma il presidente della sezione calabrese dell'Unione nazionale dei cronisti italiani, Michele Albanese

“Impedire le riprese giornalistiche audiovisive del maxiprocesso Rinascita Scott significa privare la storia di una testimonianza formidabile, necessaria ed insostituibile. Cio’ che come giornalisti siamo riusciti a documentare in relazione al maxiprocesso di Palermo a Cosa nostra, dal 10 febbraio 1986 in avanti, non lo potremo documentare nel nuovo millennio, nell’era di internet e della informazione cross-mediale, con riguardo alla ‘ndrangheta”. E’ quanto afferma il presidente della sezione calabrese dell’Unione nazionale dei cronisti italiani, Michele Albanese, “facendosi portavoce – e’ detto in un comunicato – della sensibilita’ manifestata dai colleghi consiglieri dell’Unci e dagli iscritti al Sindacato dei giornalisti della Calabria”.

“La decisione assunta dal Tribunale di Vibo Valentia – si sostiene nella nota dell’Unci – viene criticata con forza dall’intera categoria. Il Tribunale ha vietato le riprese delle udienze senza spiegarne le ragioni e senza sentire le parti del processo. Avrebbe potuto comunque autorizzare le riprese disponendo ulteriori restrizioni rispetto a quelle che, in relazione al nostro codice deontologico, siamo chiamati ad osservare”. Per l’Unci calabrese “un’informazione quanto piu’ possibile documentata e completa sul maxiprocesso alla ‘ndrangheta iniziato nell’aula bunker di Lamezia Terme sarebbe stata altresi’ necessaria alla luce della pandemia in atto che impedisce la partecipazione del pubblico alle udienze. L’informazione offre un servizio pubblico, risponde al diritto dei cittadini di essere informati, e decisioni come quelle adottate dal Tribunale di Vibo Valentia limitano gravemente l’efficacia di questo servizio”.

“Sono certo – dice ancora Albanese – che le testate giornalistiche televisive reitereranno la loro richiesta di ripresa audio-video del maxiprocesso e auspico che il nuovo collegio giudicante, insediatosi dopo la ricusazione del primo presidente, possa porre rimedio a questa vicenda che ha provocato dissenso ed imbarazzo anche tra i numerosi colleghi della stampa internazionale giunti da diversi paesi del mondo per seguire Rinascita Scott”.