Quantcast

Gli studenti dell’Itts Scalfaro creano un app per sfidare il Covid 19

Lavoro realizzato dalla classe IV G di Telecomunicazioni

ITTS “Scalfaro” vs Covid-19. Questo il nome dell’app realizzata dagli studenti di una classe di Telecomunicazioni dell’Itts Scalfaro di Catanzaro.

Quest’anno scolastico è senza dubbio molto singolare a causa dei grandi stravolgimenti  che l’epidemia da Covid-19  ha provocato anche nello svolgimento delle attività didattiche: dalla Dad alla Ddi, alle videolezioni, alla modalità sincrona e asincrona. Un modo nuovo e diverso di fare scuola, un cambiamento molto forte nell’interazione docente-discente e nell’ambiente del gruppo- classe. Ma gli studenti non hanno perso il loro entusiasmo e la voglia di rimpadronirsi del loro mondo, di quegli spazi e di quegli strumenti che fanno la loro quotidianità scolastica.

Ed ecco che la classe IV G di Telecomunicazioni dell’ITTS “Scalfaro”di Catanzaro – il cui dirigente è Vito Sanzo – lavorando in team a distanza, sotto la guida preziosa dei docenti, ha realizzato una interessante applicazione per sfidare la pandemia: a cadenza settimanale, sarà pubblicato sul sito web dell’Istituto un bollettino con i dati  dei contagi causati in Calabria dal coronavirus.

“Il report, se pur realizzato con principi matematici e statistici, sfruttando i dati reali dei contagi del bollettino Coronavirus della Regione Calabria, rappresenta soltanto uno studio scolastico e non vuole ingenerare tra i lettori alcun tipo di preoccupazione o falsi allarmismi. Vuole essere un supporto facile e di immediata interpretazione della situazione pandemica in atto.  Lo scopo, dunque, è solo didattico ed è quello  di far confrontare gli allievi, attraverso percorsi autonomi, con un vero compito di realtà qual è la divulgazione quotidiana dei dati del coronavirus in Italia.

Ma ancora più grande è la finalità educativa.  Si tratta di una sorta di rivincita dei ragazzi dello Scalfaro contro questo terribile virus che li ha privati di molte momenti  importanti della loro vita di adolescenti, quasi un voler sfidare la pandemia e, soprattutto, un volersi riappropriare di quelle esperienze di laboratorio  che sono la caratteristica più importante  degli indirizzi di studio dell’Istituto tecnico tecnologico  della nostra città di Catanzaro”.