Quantcast

Rifiuti, Giuliano Renda: “Catanzaro, Comune modello”

Il capoluogo è stato premiato fra i Comuni ricicloni da Legambiente

Dichiarazione del consigliere comunale Giuliano Renda: 

“Catanzaro continua a confermarsi Comune modello sono diversi e importanti aspetti. L’ultimo caso è quello della gestione dei rifiuti, settore nel quale per l’ennesima volta il capoluogo è stato premiato fra i Comuni ricicloni da Legambiente: è un riconoscimento garantito da un’associazione indipendente che testimonia, in tutta evidenza, la bontà del lavoro svolto anche in questo settore dall’amministrazione Abramo e dal sindaco in prima persona. 
Quest’anno, però, credo che il riconoscimento sia pure più rilevante di quelli ricevuti nelle precedenti edizioni: Catanzaro è stato l’unico capoluogo della regione ad aggiudicarselo e questo la dice lunga sulla capacità di programmazione e controllo, eseguiti in modo costante, del governo Abramo. 

Non ce ne vogliano gli altri cittadini, ma dire che questa città è sporca è una pura e strumentale falsità. La realtà ci dice che sulla gestione del ciclo dei rifiuti Catanzaro è un modello che dovrebbero prendere a esempio Comuni come, e lo dico senza voler fare polemiche, Reggio Calabria. Sono settimane se non mesi che vediamo le montagne di spazzatura per le strade reggine, un fenomeno ormai diventato di risalto nazionale visto che anche la famosa giornalista di La7, Myrta Merlino, ha postato un’immagine eloquente sulla sua pagina Facebook. 
Non facciamoci meraviglia: dieci anni fa la situazione era la stessa anche qui a Catanzaro, ma non appena insediatisi a Palazzo De Nobili Abramo e la sua squadra  hanno prima e immediatamente eliminato l’emergenza, poi realizzato un piano di gestione che ha consentito di ottenere in breve tempo gli ottimi risultati che abbiamo ancora adesso, con percentuali di raccolta vicine al 70. 
È, questa, programmazione virtuosa che riguarda i rifiuti e altri settori, anche economici, che consentono a questa amministrazione di garantire sempre i servizi essenziali. Si tratta, insieme, di buona politica e buona amministrazione”.