Quantcast

Processo Trigarium, tre ergastoli tra le richieste del pubblico ministero

Anche una assoluzione. Si torna in aula in Corte d'Assise a Catanzaro il prossimo 17 marzo

Richieste pesanti del pm Paolo Sirleo al processo in corso di svolgimento alla Corte d’Assise di Catanzaro (presidente Sandro Bravin a latere Carmen Tedesco) legato all’operazione della Dda di Catanzaro denominata Trigarium.

Al termine delle requisitoria l’accusa ritiene che debba essere comminata la pena dell’ergastolo ad Antonio Bagnato, Antonio Marrazzo e Antonio Cianflone, di 13 anni di reclusione a Domenico Iaquinta, di 24 anni a Michele Marrazzo. Chiesta invece l’assoluzione per Gianluca Leonetto. Si tornerà in aula il prossimo 17 marzo quando sarà data parola alle difese. I difensori sono gli avvocati Antonio Lomonaco, Sergio Rotundo, Romualdo Truncè, Luca Cianferoni, Francesco Calzone.

L’operazione Trigarium eseguita dai Carabinieri di Petilia Policastro nel Crotonese nel luglio 2018 aveva portato all’arresto di undici persone ed era stata considerata un duro colpo alla cosca Bagnato.