Quantcast

Simeri Crichi: via Crucis per gli ammalati e il personale sanitario

A un anno dall’inizio della pandemia iniziativa della parrocchia Santa Maria Assunta

Non sarà uno stanco rituale la Via Crucis promossa oggi, venerdì 5 marzo 2021, dalla Parrocchia Santa Maria Assunta di Simeri Crichi. Devozione popolare in nome di Gesù  e non solo religione: anche un pensiero per chi convive con la sofferenze e per quanti, medici  e personale paramedico, sono tuttora  in prima linea per contenere il Covid -19.

A un anno dall’inizio della pandemia di coronavirus, la Parrocchia Santa Maria Assunta di Simeri, guidata da Don Francesco Cristofaro, con la partecipazione dei giovani della comunità, vivrà un momento interamente dedicato agli ammalati, ai medici, al personale sanitario, a quanti hanno perso la vita durante questo terribile anno.
L’iniziativa nasce dal cuore del giovane parroco che ogni giorno è raggiunto da tante persone che gli affidano pene e sofferenze.

Proprio Don Francesco Cristofaro, nato con una para paresi spastica alle gambe, nei giorni scorsi è stato invitato dall’Ufficio della Pastorale Sanitaria della Diocesi di Roma a tenere un incontro online nel corso “Un po’ più di vicinanza” promosso dalla CEI e dalla Pastorale della Salute.

Spesso il mondo della malattia fa paura – ha detto il sacerdote – e allontana. Chi soffre, spesso sperimenta solitudine e abbandono come nel mio caso dove per tanti anni mi sentivo definire “poverino”. Gesù si fa vicino, tende la mano, solleva. E’ bello mostrare un po’ più di vicinanza”.
Per quanti volessero seguire il momento di preghiera, basta collegarsi sul canale YouTube di Don Francesco Cristofaro. Già lo fanno in tanti:  ogni Venerdì sono oltre 2000 persone a pregare la Via Crucis.

Appuntamento oggi, alle ore 18, con la celebrazione eucaristica e a seguire la Via Dolorosa animata dai giovani. Le meditazioni sono di  Mons. Paolo Ricciardi, Delegato della Pastorale Sanitaria della Diocesi di Roma, che rifletterà ad alta voce su storie in corsia di ospedale.
Anche con le restrizioni sociali, la Pasqua trova profonda risonanza nel cuore della gente di Simeri Crichi e la Parrocchia è impegnata, anche in remoto, ad accorciare distanze tra fedeli e parola di Dio.