Quantcast

Dantedì: tante le iniziative in programma all’Istituto Comprensivo di Sersale

L’edizione del 2021 è più significativa perché avviene nel settecentesimo anniversario della morte del Sommo Poeta, padre della lingua italiana

È impossibile leggere i canti di Dante senza rivolgerli al presente. È per questo che essi sono stati creati. Sono armati per percepire il futuro”.

Parafrasando il poeta russo Osip Mandel Stam, l’Istituto comprensivo “Giuseppe Bianco” di Sersale  ha promosso per oggi, in occasione del Dantedì,  una serie di iniziative, impreziosite da utili suggerimenti,  volte a serbare memoria dell’edificante figura del  padre della lingua italiana: Dante Alighieri

Scrive sul sito della scuola la dirigente scolastica Maria Brutto : “ Il 25 marzo 1300 è giorno in cui gli studiosi pensano sia iniziato il viaggio ultraterreno di Dante Alighieri nel regno dell’oltretomba e narrato nella Divina Commedia. L’edizione del 2021 è più significativa perché avviene nel settecentesimo anniversario della morte del Sommo Poeta, padre della lingua italiana. Considerando la situazione di emergenza sanitaria in corso, impossibilitati ad organizzare attività di approfondimento dell’opera dantesca in presenza, si invitano tutti i docenti, a celebrare, in questa settimana, il “Dantedì,” giornata ufficialmente dedicata a Dante Alighieri recentemente istituita dal Governo, ognuno nella sua libertà di insegnamento, dedicando, durante le ordinarie lezioni, un momento alla lettura di Dante, passi scelti della Divina Commedia, preparando gli studenti a tale scopo. Il nostro Istituto farà simbolicamente memoria dell’importante ricorrenza proponendo sul sito web alcuni passi del magnifico poema, musicati dalla Celtic Harp Orchestra, scelta nel 2021 dal Ministero dei Beni Culturali come partner per le iniziative a 700 anni dalla morte dell’Alighieri.”

Il Dantedì è stato istituito per la prima volta nel 2020: meritato omaggio a chi ha introdotto nel nostro vocabolario  tantissime parole di cui ci serviamo ancora oggi per rivestire i nostri pensieri e le nostre emozioni.