Quantcast

Abramo evita il colpo di mano. Qualcuno voleva l’hub vaccinale al Campus, lui incassa il sì per Ente fiera fotogallery

Il generale Figliuolo e il capo della Prociv Curcio soddisfatti dopo il sopralluogo

Ha evitato il colpo di mano Sergio Abramo. Una mano invisibile che aveva provato a far nascere una tensostruttura da adibire ad hub vaccinale accanto il Policlinico universitario. La motivazione era stata “lì c’è il personale medico”, la risposta del sindaco “l’ente fiera dista meno di un chilometro”.

Generico marzo 2021Il sindaco Abramo e il generale Figliuolo

E così, bruciando in parte il programma concordato ed anche i tempi, il generale Francesco Paolo Figliuolo ha dato il suo definitivo “Si”. Ha visitato l’Ente Fiera appena rimodernato e lo ha ritenuto idoneo.

“Sarà – ha detto – uno dei quattro hub vaccinali della Calabria”. E vedendo la struttura ha aggiunto “anche quello più funzionale e tra i più moderno visto che abbiamo la possibilità di allestirlo da zero”. La visita ai locali della moderna struttura alle porte del centro è stata veloce, come i tempi del generale.

Con il sindaco Abramo, che è stato padrone di casa accompagnando Figliuolo e Curcio nel sopralluogo, il presidente facente funzioni della Regione Nino Spirlì, il commissario dell’Asp Luisa Latella, il prefetto Maria Teresa Cucinotta, il presidente del Consiglio Comunale Marco Polimeni ed i tecnici del Comune.

FIGLIUOLO: «QUATTRO HUB IN CALABRIA»

«Ci sono grandi potenzialità – ha detto il generale Figliuolo – per fare hub vaccinali in Calabria. Ne faremo quattro, il primo sarà a Catanzaro, in quest’area fieristica che il sindaco Abramo ha gentilmente reso disponibile. C’è la struttura, l’infostruttura, la parte logistica che rivestiremo con gli assetti capacitivi, sanitari e tecnici. Accelereremo sulla somministrazione dei vaccini costruendo questi grandi hub e facendo arrivare le dosi necessarie in tempo. Il prossimo 29 marzo, arriveranno in Italia un milione di vaccini Pfizer, 1,3 di Astrazeneca e oltre 500mila di Moderna. Reperiremo, inoltre, medici e infermieri con apposite convenzioni».

CURCIO: «LAVORARE INSIEME»

«Stiamo lavorando bene con tutte le Regioni. Oggi – ha affermato Curcio – siamo qui in piena sintonia e armonia a supportare le attività della Calabria. Nel rispetto delle competenze di ognuno, dobbiamo continuare a lavorare insieme».

Presenti al sopralluogo anche il prefetto di Catanzaro, Maria Teresa Cucinotta, il sindaco di Catanzaro, Sergio Abramo, e il sottosegretario di Stato per il Sud e la coesione territoriale, Dalila Nesci. A rappresentare l’Asp di Catanzaro, i componenti della commissione prefettizia Luisa LatellaSalvatore Gullì e Carmelo Musolino.

Nel corso di un breve briefing, è stato ribadito che la Calabria è in perfetta linea con l’evoluzione del piano vaccinale nazionale.