Quantcast

Abusivismo, nel quartiere marinaro il Comune chiude un bar e la parte esterna di un ristorante

Controlli della Polizia Locale

Più informazioni su

Sono destinatari di due diversi provvedimenti, fino ovviamente ad un eventuale ricorso che potrebbe cambiare le cose, due locali del quartiere marinaro.

Nel primo, un  ristorante,  la polizia locale ha effettuato un controllo a gennaio e successivamente a marzo, rilevando la costruzione di una struttura abusiva non autorizzata che causava una variazione degli spazi antistanti.

Ma della successiva documentazione necessaria alle modifiche, si legge nell’ordinanza di chiusura numero 23 del 19 aprile, agli atti non risulta nulla. Mentre risultano, secondo i verbali della polizia municipale, variazioni non conformi all’esterno del locale.

Per il secondo, un bar, questi i fatti in ordine cronologico, (al netto di qualche refuso avveneristico che data alcune procedure ad agosto 2021), riportati nell’ordinanza 22 dello scorso 19 aprile.

L’imprenditore ad agosto 2020 inoltra la Scia per l’inizio lavori per un chiosco ad uso bar. La legge, ai sensi della quale viene presentata la domanda, prevede che sono eseguite senza alcun titolo abilitativo “le opere stagionali e quelle dirette a soddisfare obiettive esigenze, contingenti e temporanee, purchè destinate ad essere immediatamente rimosse  al cessare della temporanea necessità e comunque entro i 180 giorni”

Sempre ad agosto 2020 la ditta inoltra un’altra Scia per l’esercizio dell’attività stagione di somministrazione di alimenti e bevande della durata di 180 giorni con scadenza febbraio 2021.

Ad ottobre 2020, quindi ancora in vigenza della Scia precedente l’Asp richiede sul  codice univoco Suap riferito alla pratica,  chiarimenti rispetto al carattere stagionale dell’attività, rimasta non riscontrata, conseguentemente la ditta ha continuato a svolgere l’attività fino a febbraio 2021.

Il 15 marzo 2021 la Polizia locale effettua un sopralluogo elevando a carico della ditta un verbale di violazione amministrativa perché svolgeva attività amministrativa senza regolare Scia.

Più informazioni su