Quantcast

Forestazione: taglio ai fondi in Calabria, sindacati in piazza a Catanzaro foto

"Chiediamo l'apertura di un confronto con il governo nazionale e regionale e chiarezza a sulla spesa regionale"

I sindacati Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uila hanno tenuto questa mattina, in Piazza prefettura, a Catanzaro, un sit-in di protesta per denunciare la crisi del settore della forestazione in Calabria e chiedere interventi concreti al governo e alla Regione. Alla manifestazione hanno partecipato anche decine di lavoratori idraulico-forestali provenienti da varie province della Calabria.

sindacati forestazione

Secondo il segretario generale della Flai Cgil, Bruno Costa, “il settore della forestazione va rivisto e soprattutto rilanciato, e il rilancio passa anzitutto dal ripristino del finanziamento dei 40 milioni tagliati dal governo nazionale. La Calabria ha delle necessita’: riforestare interi territori, rimettere in sicurezza la montagna e in generale l’ambiente, quindi utilizzare i lavoratori al massimo dell’efficienza e della motivazione, partendo dall’applicazione della contrattazione collettiva nazionale e regionale.

Purtroppo – ha sostenuto Costa – il numero esiguo dei lavoratori oggi impedisce di raggiungere questi risultati. Chiediamo l’apertura di un confronto con il governo nazionale e regionale e chiarezza a sulla spesa regionale”.

A sua volta il segretario generale della Fai Cisl, Michele Sapia, ha evidenziato “la necessita’ sempre piu’ urgente di un cambio di passo per la forestazione che passi da tre priorita’: lavoro, risorse e confronto. E’ necessario un piano straordinario regionale sul piano della prevenzione dal dissesto idrogeologico e della manutenzione del territorio e sul piano complessivo del rilancio della forestazione.

Al governo nazionale chiediamo il ripristino dei 40 milioni tagliati nell’ultima Finanziaria, mentre al governo regionale – ha rilevato Sapia – chiediamo di destinare a questo settore alcune risorse del ricoveri Plan. Chiediamo anche l’avvio del servizio Aib (antincendio boschivo) subito e in sicurezza e chiediamo la vaccinazione dei lavoratori forestali e l’adeguamento dei protocolli anti Covid 19”.

Per Giorgio Vito, segretario della Uila Uil, “una delle principali priorita’ e rivendicazioni e’ quella di applicare il contratto collettivo nazionale e quello regionale, un passaggio necessario per ridare slancio a un settore oggi allo sbando, anche a causa di una Giunta regionale che da almeno 15 anni non sta aiutando la forestazione”. Mobilitazioni analoghe a quella di Catanzaro sono state promosse oggi da Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil a Cosenza e Reggio Calabria.