Quantcast

Borgia, focolaio covid in una scuola: quasi tutti positivi alunni e docenti di una classe

Il sindaco: La positività della quasi totalità degli alunni e del personale docente di una stessa classe supera il peggiore degli incubi perché ci travolge in pieno

Quanto accaduto nelle giornate di ieri e di oggi nelle nostre scuole ed in particolare in una classe del nostro Istituto scolastico non trova al momento nessuna spiegazione plausibile o che si avvicini neanche minimamente alla logica.

Appare sin da subito di una gravità assoluta.
La positività della quasi totalità degli alunni e del personale docente di una stessa classe supera il peggiore degli incubi perché ci travolge in pieno. E’ quanto si legge in un post sul profilo facebook del sindaco di Borgia, Elisa Sacco. 

Il contagio all’interno delle nostre scuole c’è stato in questi mesi, ma è sempre rimasto contenuto e limitato ad un solo caso. Questa volta no e ciò che ancor di più lascia perplessi è la simultanea comparsa dei sintomi tra tutti gli alunni verificatasi tra la giornata di domenica e lunedì. Sicuramente c’è bisogno di risposte. C’è bisogno di chiarezza fino in fondo, sono la prima a chiederla e a volerla dare, come tra l’altro sto facendo con tutti i genitori con cui ho interloquito in questi 2 giorni.

Tutte i rappresentanti delle istituzioni coinvolte, me compresa, hanno il dovere di esaminare fino in fondo ciò che è accaduto producendo il massimo sforzo per capire dove e perché la “normalità” si è interrotta provocando uno squarcio così profondo.

Non mi tirerò mai indietro e non mi sottrarrò a nessuna azione, ma oggi bisogna agire dando priorità alla procedure di tracciamento ed isolamento per limitare quanto più possibile le conseguenze.

Non so se è successo qualcosa, in ambito scolastico o extra scolastico, di cui ancora non sono a conoscenza, so solo che ora più che mai è il momento di essere chiari e sinceri fino in fondo per trovare il punto di partenza e chiudere nuovamente il tracciamento.
Dobbiamo concentrare gli sforzi su questo, per ora, poi penseremo al resto, a tutto il resto.

Domani avremo un’idea più completa eseguendo i tamponi molecolari a tutti i bimbi, ed è a loro ed alle loro famiglie rivolgo il mio pensiero. È il momento di dare serenità!