Quantcast

Cara Catanzaro: ‘Urgono notizie sul Duomo’

L'associazione: 'Bene la notizia dell'insediamento del Tribunale d’Appello Ecclesiastico interdiocesano ma la cattedrale cittadina non può essere considerata alla stregua di una vicenda privata'

“Nei scorsi giorni si è insediato, presso la Curia di Catanzaro, il Tribunale d’Appello Ecclesiastico interdiocesano. L’importante istituzione avrà il compito di esaminare le cause di diritto canonico, già decise in primo grado davanti al Tribunale ecclesiastico di Reggio Calabria e che, in precedenza, venivano trasmesse a Napoli per il giudizio d’Appello”. Lo affermano dall’associazione Cara Catanzaro.

“Si tratta senza dubbio  – proseguono – di un riconoscimento prestigioso per la nostra città, frutto del lavoro condotto dal vescovo S.E. Vincenzo Bertolone che è riuscito a fare aderire all’iniziativa tutti i vescovi della regione e successivamente a ricevere l’approvazione da parte della Santa Sede.

Nel congratularci per l’importante traguardo raggiunto – aggiungono dall’associazione – dobbiamo però rilevare che la stessa attenzione e solerzia non viene dimostrata, almeno apparentemente, nei confronti del Duomo cittadino, chiuso ormai dal mese di marzo del 2017 in seguito al crollo del soffitto di una delle cappelle laterali.

A distanza di anni e nonostante numerose sollecitazioni da parte nostra e di altre associazioni cittadine non si hanno notizie circa la riapertura del luogo di culto e non si conosce neppure lo stato della procedura amministrativa che dovrà portare all’avvio dei lavori di riqualificazione.

E’ evidente  – affermano da Cara Catanzaro – che la vicenda del Duomo di Catanzaro non può essere considerata alla stregua di una questione privata, ed è auspicabile che le istituzioni ecclesiastiche dimostrino sulla vicenda il massimo della trasparenza, comunicando alla cittadinanza lo stato dell’iter amministrativo e i tempi necessari all’avvio dei lavori per la riapertura della Cattedrale.

Ciò deve avvenire – concludono nella nota –  per rispetto nei confronti della Città di Catanzaro, della sua storia e del suo patrimonio storico ed artistico, ma anche in osservanza dei principi e dei valori richiamati con forza da Papa Francesco che auspica per la Chiesa la massima trasparenza e vicinanza nei confronti dei fedeli. Chiediamo solo notizie, per l’ennesima volta”.