Quantcast

“Oasi delle api – Saving Bees”, nuova iniziativa del Club Soroptimist

Imparare divertendosi. Grazie al Soroptimist e al Club Unesco di Catanzaro

Per costruire un domani migliore bisogna partire dalle nuove generazioni: lo sa bene il Soroptimist che porta avanti da decenni le sue iniziative di sensibilizzazione e formazione. Nelle scorse giornate il Club Soroptimist di Catanzaro ha organizzato una serie di lezioni interattive, con alcuni studenti dell’I.C. Cropani – Soveria “B. Citriniti” di Simeri Crichi e Soveria Simeri, per comprendere l’importanza delle api e il loro ruolo fondamentale per il mantenimento della biodiversità.
Il Soroptimist International – ha affermato Adele Manno, presidente del Club di Catanzaro – celebra nel 2021 i 100 anni dalla sua nascita. Proprio nel 1921, in Oakland (USA), un gruppo di donne si riunì per salvare una foresta di sequoie. In un momento in cui l’ambiente è minacciato dai comportamenti dell’uomo, il Soroptimist d’Italia ha selezionato, fra i tanti progetti arrivati da numerosi dei 158 Club presenti sul territorio nazionale, quello Oasi delle api – Saving Bees”. Abbiamo acquistato un’arnia didattica e, grazie alla collaborazione con Comuni e scuole virtuosi, stiamo realizzando questi incontri per sensibilizzare i ragazzi sull’attenzione da riservare all’ambiente e sulla salvaguardia delle api.”
Preziose per l’organizzazione degli eventi sono state la presidente incoming del Soroptimist di Catanzaro, Elisa Vigliante, e la socia Cinzia Cantaffio. “Il nostro Club – ha dichiarato Giuditta Mattace, vice presidente del Club Unesco di Catanzaro – ha sottoscritto un protocollo d’intesa con il Soroptimist con un focus sulla tutela dell’ambiente. Il programma dell’Unesco si chiama “Women for bees” e sostiene la formazione di donne che possano dedicarsi all’apicoltura. Lo scopo è far capire alle nuove generazioni l’importanza di adottare comportamenti corretti per preservare il nostro pianeta e le api sono importantissime per il nostro ecosistema, per cui vanno rispettate e difese.
Nella prima tappa di Simeri Crichi è intervenuto anche il sindaco Piero Mancuso che ha sottolineato come l’iniziativa sia l’esempio della proficua sinergia tra associazioni e istituzioni.
“Noi siamo “Comune delle api” – ha sottolineato nel secondo incontro il sindaco di Soveria Simeri, Amedeo Mormile – e ci siamo resi parte attiva per sensibilizzare su questo argomento con azioni a tutela di questi preziosi insetti. Evitiamo, ad esempio, di intervenire sulle alberature nei periodi in cui le api possono impollinare e non utilizziamo prodotti chimici.”