Quantcast

Comune di Botricello, intesa con l’associazione Plastic Free per una città sostenibile

Plastic Free onlus è un'associazione nazionale che ha l'obiettivo di informare e sensibilizzare il maggior numero di persone possibile sulla pericolosità della plastica e dei suoi effetti sull'intero ecosistema mediante azioni concrete

Giorno 14 maggio, presso la sede comunale di Botricello è stato firmato il protocollo d’intesa che sancisce l’accordo tra Plastic Free e il comune per dare slancio all’attività di tutela dell’ambiente sul territorio.

All’incontro erano presenti il sindaco Michelangelo Ciurleo, gli assessori Teresa Voci, Patrizia Altilia, Ugo Mezzotero e il responsabile di zona dell’associazione onlus “Plastic Free” Luigi  Scalese.

Plastic Free onlus è un’associazione nazionale che ha l’obiettivo di informare e sensibilizzare il maggior numero di persone possibile sulla pericolosità della plastica, in particolare quella monouso e dei suoi effetti sull’intero ecosistema, mediante azioni concrete, soprattutto attraverso l’organizzazione di giornate di raccolta di rifiuti e passeggiate ecologiche.

Anche a Copanello, intanto, stamattina la raccolta insieme a Plastic Free (qui in foto).

L’inquinamento da plastica è il più pericoloso in assoluto: i suoi effetti sono in grado di causare danni irreversibili al pianeta e di conseguenza alla salute dell’uomo.

L’accordo prevede che il Comune supporti le attività dell’associazione concedendo il patrocinio gratuito per gli appuntamenti di raccolta di rifiuti, garantendo l’intervento dell’azienda locale che gestisce il servizio, per il ritiro dei sacchi a fine di ogni giornata.

Nei prossimi giorni saranno individuate le zone di intervento e verranno organizzate le giornate ecologiche con la partecipazione dei cittadini e delle Associazioni di volontariato locali. L’iniziativa va anche nella direzione di porre fine all’incivile abitudine di abbandonare in modo incontrollato rifiuti sul territorio.

È inaccettabile ed è mortificante per la nostra comunità, che per colpa di ignoti, si debbano avere angoli del paese con cumuli di materiali provenienti da attività edili, materassi, elettrodomestici, plastica, ingombranti, vecchi mobili e rifiuti di vario tipo ecc.

Tali comportamenti oltre a deturpare l’immagine e il decoro cittadino, sono un’offesa nei confronti di chi effettua quotidianamente la raccolta differenziata e costringono l’Amministrazione a spendere importanti risorse per smaltire i rifiuti abbandonati sul territorio.