Quantcast

Marcellinara, Scerbo si propone per guidare l’Anci

L'assemblea congressuale si terra il 14 luglio a Rende

Il Comitato Direttivo di Anci Calabria ha fissato, per il prossimo 14 luglio a Rende, la data dell’Assemblea congressuale per l’approvazione degli adeguamenti statutari e per l’elezione del Presidente regionale dell’Associazione.

Il Sindaco di Marcellinara, Vittorio Scerbo, componente del Comitato Direttivo, dopo le riflessioni delle settimane scorse sul ruolo che deve riprendere l’Anci regionale per affrontare le diverse ed urgenti problematiche che attanagliano gli enti locali calabresi, lancia la sua candidatura alla guida dell’Associazione dei Comuni in Calabria.

“Bisogna rilanciare l’ANCI in Calabria, dedicandoci tempo e cura, e riportare al centro dell’attenzione l’importanza dell’autonomia associativa per svolgere quel ruolo credibile e autorevole a tutela e supporto di tutti i Comuni calabresi”: ha dichiarato il Sindaco Vittorio Scerbo che, già nel corso della seduta del Comitato Direttivo, ha proposto la sua idea per ridare forza e rappresentatività all’Associazione, in vista dell’elezione del Presidente, che avrà comunque un mandato limitato, fino al mese di ottobre 2022, data di scadenza degli organi associativi eletti dall’Assemblea congressuale del 2017.

“E’ la prima volta che si andrà al voto del Presidente regionale ANCI nella fase che immediatamente precede la tornata elettorale delle amministrative locali – ha proseguito il Sindaco Vittorio Scerbo – e questa rappresenta un’occasione utile, da non sprecare, perché così, al di là di pesi e contrappesi politici, appartenenze e colori, si potrà guardare seriamente al ruolo che vorremo dare ad ANCI Calabria ed a come sviluppare quella rete forte fra enti che sappia agire in maniera unitaria a difesa delle medesime istanze ed esigenze che accomunano tutti gli enti dal più piccolo al più grande”.

“Bisogna far sentire la voce dei comuni e dei sindaci – ha concluso il sindaco Vittorio Scerbo – la voce libera di tanti amministratori, soprattutto quella dei comuni più piccoli, che rappresentano la gran parte dei comuni calabresi, che devono avere pari dignità e trattamento rispetto ai grossi centri, e che devono sentire sempre forte il supporto dell’Associazione per le tante iniziative e progetti da realizzare. Non a caso sarà ANCI il centro di competenza nazionale per l’attuazione del progetto di “Rafforzamento della capacità amministrativa dei Piccoli Comuni”, promosso dal Dipartimento della Funzione Pubblica della Presidenza del Consiglio dei Ministri, a cui i Comuni calabresi devono puntare in maniera decisa”.