Quantcast

Sanità, la Lega propone di affidare alla Finanza la ricostruzione dei bilanci

Favorevole anche il deputato di Fratelli d'Italia, Wanda Ferro

“Dopo 11 anni di continui commissariamenti della sanità calabrese in alcune Aziende sanitarie provinciali non si riesce nemmeno a ricostruire la contabilità ed a presentare dei bilanci. Cambiano i personaggi, cambiano le triadi, cambiano gli uomini, ma nessuno riesce a ricostruire la voragine di debiti che sono stati creati”. E’ quanto afferma, in una nota, il commissario regionale della Lega, Giacomo Francesco Saccomanno.

“Si è parlato anche – prosegue Saccomanno – di morti sospette per chi stava facendo il proprio dovere, poi smentite, ma sempre preoccupanti. Neppure la triade nominata dal Ministro degli Interni per lo scioglimento mafioso dell’azienda è riuscita a portare a casa qualche pur minimo risultato. E il Governo insiste in commissariamenti del tutto inutili che non solo non hanno migliorato il sistema sanitario, non solo non hanno ridotto il pesante già esistente deficit, ma lo hanno profondamente aumentato. Quindi, nomine e percorsi del tutto inutili. La denuncia di Longo, attuale commissario, alla Commissione Nazionale Antimafia, di una presenza attiva e gestionale della criminalità organizzata e di lobby di potere nel sistema sanità, devono, sicuramente, fare riflettere e la Lega spera che l’attuale responsabile abbia fatto il proprio dovere fino in fondo”.

“Ma, tali condizioni e il peggioramento del sistema sanità – sottolinea Saccomanno – devono far riflettere e devono portare a decisioni coerenti e responsabili. Vista l’inutilità delle attuali nomine appare più che evidente che il sistema debba subire un cambiamento radicale e non di facciata. La Lega, pertanto, chiede che, per la ricostruzione contabile e per la redazione dei bilanci, si dia incarico ai nuclei specializzati della Guardia di Finanza che potranno, non solo eseguire tali attività in modo corretto ed oggettivo, ma avranno il potere di trasmettere un adeguato e minuzioso rapporto, in caso di rilevate illiceità, alle competenti Procure e della Corte dei conti. E’ arrivato il momento di mettere fine ai teatrini ed ai balletti di nomine, spesso clientelari, e di dare un futuro concreto ai calabresi, che, altrimenti, per come sta accadendo, saranno costretti ad andare fuori regione per curarsi oppure rischiare di morire nella propria terra”.

Sull’argomento è intervenuta anche Wanda Ferro, deputato di Fratelli d’Italia: “La proposta del commissario regionale della Lega Saccomanno di affidare alla Guardia di Finanza il compito di ricostruire la contabilità delle Aziende sanitarie calabresi non può che trovarmi favorevole. E’ infatti in linea con l’emendamento al Decreto Calabria che avevo presentato nel novembre scorso, con cui proponevo di nominare un commissario straordinario per l’accertamento della situazione finanziaria degli enti del Servizio sanitario regionale, nella persona del Comandante regionale della Calabria della Guardia di Finanza”.

E’ quanto afferma il, Wanda Ferro, secondo cui “solo l’intervento di reparti specializzati in approfondimenti economico-finanziari può riuscire a mettere ordine nei conti della sanità calabrese, mettendo un punto fermo sulla situazione debitoria, e a fare piena luce sulle malversazioni e gli interessi illeciti che hanno rappresentato una voragine in cui sono state inghiottite le risorse destinate a garantire il diritto alla salute ai calabresi. Auspico che il governo possa recepire questa proposta, affrontando con serietà e in maniera risolutiva il problema della ricostruzione della situazione contabile delle aziende sanitarie calabresi”.