Quantcast

CorviAmo, il Comitato di quartiere che unisce i cittadini e programma il futuro del Corvo

CorviAmo non sta a guardare e non sta con le braccia conserte nonostante il difficile periodo dovuto alla pandemia

Il quartiere Corvo e la sua gente. Il Corvo e i suoi problemi, i suoi spazi, la sua comunità, la sua voglia di esserci e la sua paura di cadere nel dimenticatoio. Il Corvo e la sua voglia di rivalsa, la sua necessità di somigliare sempre più a quello che questo quartiere ha rappresentato per i bambini di 30 anni fa: la nascita di amicizia, amore, casa. Il Corvo è il suo CorviAmo. Eccolo, il comitato di quartiere che riaccende la speranza e punta il dito su tutto quello che non va e accende i riflettori su tutto quello che , proprio qui, al Corvo, merita il palcoscenico. CorviAmo è super attivo e lo dimostrano i fatti degli ultimi mesi. “Qualche settimana fa – ci dice il presidente Rino Parentela – abbiamo ideato dei questionari per sapere dalla gente cosa e dove vuole impegnarsi in prima persona o tramite le nostre iniziative per migliorare la qualità della vita al Corvo. Sport, cultura, spazi verdi, parco giochi, pulizia e altro ancora. La gente non ha avuto dubbi: desidera un quartiere pulito e un quartiere curato. E allora ci siamo adoperati per cercare di capire cosa e come fare per essere operativi”.

VERDE, PARCO GIOCHI E PALAGALLO

Il questionario e le sue risposte, dunque, non sono rimaste carta straccia ma CorviAmo ha iniziato a lavorare sul serio. Innanzitutto ha bussato alla porta delle istituzioni ed organi competenti per prendersi cura del punto 1: ambiente, degrado. Soprattutto CorviAmo ha fatto sinergia e ha messo insieme tutte le associazioni della zona per una collaborazione fattiva. Saranno parte del progetto gli scout Agesci 10, associazione Mete, Teatro Vecchi e Giovani, Associazione Giusi Pino, Circolo San Francesco.

Corvo è un vasto territorio circondato da spazi verdi incredibilmente belli e maledettamente abbandonati. “Ci siamo seduto al tavolo del sindaco – fanno sapere dal direttivo di CorviAmo – per sapere se l’amministrazione comunale era disposta ad ascoltarci. Abbiamo avuto notevole apertura da parte di Abramo e soprattutto degli assessori Cavallaro e Longo e il geometra Greco , responsabile ufficio igiene. Con quest’ultimo ci siamo incontrati più volte determinando date e progetti per la riqualificazione delle aree centrali e più importanti di Corvo. Siamo felici di poter dire che da qualche giorno vediamo sulle nostre strade l’operatore ecologico che mai avevamo visto prima. Insieme a Sieco e Comune abbiamo avviato un percorso di idee e un progetto operativo per riqualificare il campetto difronte il PalaGallo, il parco giochi e le aree verdi che dal palazzetto portano fino al Parco. I bambini già tra una settimana potranno usufruire del parco giochi che sarà riqualificato, ripulito e dotato di cassonetti per la raccolta differenziata. E’ stato già effettuato un sopralluogo al campetto nei pressi del PalaGallo per recintarlo e dotarlo di nuove attrezzature per il calcetto e il basket. Molti programmi sono in itinere per prendersi cura in completa autonomia , ma con relative autorizzazioni, per alcune aiuole e soprattutto l’ampio terreno sterrato del parcheggio PalaGallo”.

Il Corvo ai corvini, ma con le istituzioni al loro fianco. CorviAmo non sta a guardare e non sta con le braccia conserte nonostante il difficile periodo dovuto alla pandemia. CorviAmo si muove e lotta per avere quello che Corvo merita e la sua gente urla col cuore in gola. Corvo vuole splendere di luce riflessa ed è pronto a darsi da fare per avere il colore verde speranza e godere dei suoi nuovi bambini giocare tra parchi e campetti. CorviAmo vuole far conoscere il Corvo che molti non conoscono: il quartiere immenso dove regna l’amicizia e la voglia di stare insieme. CorviAmo vuole che Corvo sia pronto quando la pandemia sarà un ricordo e la gente ritornerà per strada. La sua strada. La sua via. La sua casa. CorviAmo, sta tutto nel nome.