Quantcast

Benedetto il quadro di San Francesco di Paola

Opera realizzata dall’artista Alfredo Leonardo

Più informazioni su

Con una celebrazione eucaristica di altissimo valore spirituale, il Molto Reverendo Padre (M.R.P.) Francesco Trebisonda, Provinciale dell’Ordine dei Minimi, domenica mattina ha benedetto il quadro di San Francesco di Paola, dell’artista Alfredo Leonardo, presente alla cerimonia; opera commissionata e donata alla Parrocchia di San Pio X da Vincenzo Ursini, presidente dell’Associazione culturale “Nuova Accademia dei Bronzi” di Catanzaro.

La Santa Messa – presieduta dal M.R.P. Francesco Trebisonda e concelebrata da Mons. Francesco Isabello, parroco di San Pio X, da padre Francesco Lenti, parroco di S. Croce, da don Vincenzo Lopasso, don Eugenio Aiello – è stata  seguita da numerosissimi fedeli. Una manifestazione davvero toccante che ha coinvolto positivamente l’intera comunità, grazie al sapiente legame che si è instaurato tra Mons. Isabello e il presidente Ursini.

In apertura, il M.R.P. Trebisonda, dopo aver ringraziato Ursini, si è ampiamente soffermato sull’attualità del messaggio di San Francesco di Paola. “Come San Francesco – ha detto – bisogna mettere al centro della vita la cultura dell’essenzialità, strumento di salvezza dai pericoli  dell’essere insoddisfatti e infelici”.

“Ogni volta che guardiamo San Francesco – ha sottolineato – è come se egli ci consegnasse la sua verità: vivere di carità, nel nostro cuore e nel nostro quotidiano”. E poi ha aggiunto: “Non sono i miracoli che hanno reso grande S. Francesco di Paola, ma il suo stile di vita, specchio della SS. Trinità; tra i bisognosi e tra coloro che erano alla ricerca di Dio”.

Durante la celebrazione eucaristica è stata esposta la corona del Rosario di San Francesco, reliquia di 63 grani custodita nell’armadio delle reliquie di Paola, segno di profonda devozione del Santo verso la Madre di Dio. San Francesco non usava la corona classica domenicana, ma la corona francescana.

La celebrazione di domenica mattina ha concluso due giorni della comunità cristiana di San Pio X dedicati al Santo dei calabresi. Venerdì 28 maggio, si è infatti svolto un interessante convegno sull’attualità del messaggio di San Francesco. Dopo i saluti del parroco, mons. Franco Isabello, avevano relazionato don Vincenzo Lopasso e padre Francesco Lenti. Il prof. Lopasso ha parlato proprio dell’attualità del messaggio cristiano del Santo di Paola rimarcando la necessità di mettere sempre al centro della quotidianità la cultura dell’essenza.

Padre Lenti ha sviluppato un altro tema di grande attualità, “San Francesco di Paola e l’ecologia”.

Prima della benedizione finale, il dott. Antonio Montuoro, a nome dell’Accademia dei Bronzi, ha ringraziato il Molto Reverendo Padre Trebisonda, il parroco, mons. Franco Isabello e padre Francesco Lenti. Un particolare ringraziamento lo ha rivolto altresì al presidente Vincenzo Ursini, “per aver realizzato questa importante iniziativa di grande interesse religioso e sociale” e il dott. Mauro Rechichi, già direttore del Dipartimento “Emergenze-Urgenze” dell’azienda ospedaliera “Pugliese-Ciaccio” “per aver sostenuto la proposta di Ursini”.

L’iniziativa ha avuto una bella accoglienza anche sui social. Sono tanti, infatti, gli amici e soci dell’Accademia dei Bronzi che hanno apprezzato e condiviso questo evento.

Il poeta Angelo Chiappetta di Rende sulla pagina Fb di Vincenzo Ursini ha scritto: “Complimenti per la vostra azione culturale e sociale. Sono orgoglioso di far parte della vostra associazione”, mentre Francesca Misasi di Vicenza ha sottolineato: “iniziativa unica, piena di luce”. E l’artista Giovanni Chiarella di Catanzaro, premiato di recente con la targa “Alfiere dell’arte”, ha commentato: “evento che unisce tutti i calabresi devoti a San Francesco di Paola, ma non solo”; poi Mariella Bernio, di Brugherio, seconda classificata al prestigioso premio di poesia “Alda Merini”, ha scritto: “iniziativa che ci rende orgogliosi di far parte dell’Accademia dei Bronzi”. Caterina Tagliani di Sellia Marina, poetessa e scrittrice pluripremiata, ha evidenziato: “è un evento che unisce concretamente arte e fede”. Lo stesso concetto è stato ribadito anche dalla napoletana Anna Alfano: “tali iniziative dimostrano che la cultura tiene alto anche il baluardo della fede”. Possiamo ben dire che San Francesco di Paola ha ricordato a tutti, ancora una volta, quanto sia importante diffondere la cultura della carità e dell’accoglienza

Più informazioni su