Quantcast

Insulti a Davide Sgrò, Arci Catanzaro: “L’umiliazione più grande per la nostra comunità”

La miseria di questi gesti non potrà scalfire la determinazione di quanti si battono e si batteranno perché le discriminazioni vengano sempre più relegate nella viltà di chi li compie.

Gli insulti miseri nei confronti di Davide Sgró sono l’umiliazione più grande che può subire la Comunità catanzarese.
Sappia, certa gente, che la miseria di questi gesti non potrà scalfire la determinazione di quanti si battono e si batteranno perché le discriminazioni vengano sempre più relegate nella viltà di chi li compie. E’ quanto si legge in una nota stampa di Arci Catanzaro a firma di Rosario Bressi. 

La stessa viltà di chi ha bisogno di gesti infami e di una bomboletta spray per sentirsi protagonista e campione della gara a chi è più codardo.
La comunità catanzarese si ridesti dall’oblio e faccia sentire a Davide e a tutti quanti come questi gesti vili non attecchiscono e mai attecchiranno.
Da catanzarese mi vergogno.

Per tutte queste ragioni Arci Catanzaro sosterrà qualsiasi iniziativa che vada nella direzione di dare visibilità all’impegno sui diritti civili e alla lotta all’omofobia. La proposta del Gay Pride, pertanto, non solo ci convince, ma la riteniamo necessaria.
L’Arci è stata e sarà in prima linea.