Quantcast

Scerbo: Dieci punti per rilanciare l’immagine e l’azione di Anci Calabria

Il sindaco di Marcellinara: ANCI Calabria deve recuperare immagine, rappresentatività e legittimazione

Il Sindaco di Marcellinara Vittorio Scerbo, componente del Comitato Direttivo di Anci Calabria, scrive a tutti i Comuni calabresi soci dell’Associazione, in vista dell’Assemblea congressuale del 14 luglio prossimo

Dieci punti per rilanciare l’immagine e l’azione dell’ANCI in Calabria: il Sindaco di Marcellinara Vittorio Scerbo, componente del Comitato Direttivo di ANCI Calabria, scrive ai Comuni soci dell’Associazione, in vista dell’Assemblea congressuale del prossimo 14 luglio a rende che eleggerà il nuovo Presidente regionale.

“Sarà un ritorno alla normalità anche per ANCI Calabria – ha scritto il Sindaco Vittorio Scerbo che, seppur con un orizzonte limitato nel mandato, riavrà un Presidente eletto, pienamente legittimato. “È stato proprio il confronto con alcuni colleghi sindaci – ha proseguito il Primo Cittadino di Marcellinara- che ha messo in evidenza una ineludibile necessità: ANCI Calabria deve recuperare immagine, rappresentatività e legittimazione per avere quella forza di porsi, con autonomia, quale interlocutore credibile a supporto e difesa delle istanze di tutti i Comuni calabresi. Purtroppo, quanto accaduto negli ultimi due anni, sotto più versanti, giudiziario e sanitario, ha lasciato in mezzo al guado l’Associazione che, oggi, ha bisogno di rimettersi in moto con credibilità e forza propositiva”.

Questi i dieci punti, proposti dal Sindaco Vittorio Scerbo, per rilanciare ANCI Calabria e ridare forza alla voce libera dei Comuni e dei Sindaci.

Una linea di comunicazione diretta ed efficace con i Comuni soci è la base indispensabile per costruire e rafforzare il senso di rete e di squadra. Informare gli organi di informazioni e tutti i pubblici esterni è altrettanto strategico per dare notizie puntuali e precise delle attività svolte. L’organizzazione amministrativa interna deve recuperare agilità e fornire maggiori servizi ai Comuni soci, con supporto specifico per iniziative e progetti. Immediata deve essere la richiesta di attivazione di un tavolo di lavoro permanente con la Regione Calabria per i temi che riguardano i Comuni. Nuove commissioni di lavoro interne devono essere, invece, preparatorie ai tavoli di concertazione Regione-ANCI Calabria. Deve essere definita la nuova sede di ANCI Calabria per conseguire anche un risparmio di spesa. Una maggiore partecipazione degli Organi favorirà la realizzazione di iniziative territoriali a tema per recuperare, soprattutto, le adesioni di nuovi Comuni. La nomina di più Vicepresidenti, in rappresentanza di ciascuna provincia, consentirà un raccordo diretto su problemi e istanze provenienti dal territorio regionale. Indispensabile, infine, la stabilizzazione finanziaria dell’Associazione regionale con il recupero delle pregresse morosità e la valorizzazione della progettualità e formazione targata ANCI, in raccordo con le strutture nazionali dell’Associazione.

“L’obiettivo comune – ha concluso il Sindaco Vittorio Scerbo – è quello di ripartire con la giusta determinazione e buona volontà che non manca mai a ciascun primo cittadino”.