Quantcast

Le penne in legno per il Papa e i patriarchi: ancora un po’ di Catanzaro in Vaticano

Commissionate all'artista del legno Francesco Scarpino dopo il suo dono: una sua produzione per il Santo Padre

Eccole pronte: nate dal legno, lavorate con zelo, precisione, e quel pizzico di sentimento in più inevitabile: le venti penne, commissionate al maestro artigiano di Catanzaro Francesco Scarpino di ‘Iointagliolegno’, stanno per arrivare a destinazione Vaticano. Una, speciale, ancora un volta per il Papa. Le altre per i patriarchi d’Oriente che incontreranno Papa Francesco il prossimo primo luglio.

‘Non era bastata l’emozione di pochi giorni fa – racconta Scarpino – uno dei giorni più indimenticabili per me, le mani del Santo Padre sul mio dono, una penna creata per lui (leggi qui l’articolo).

Poi anche questa richiesta a me arrivata dal Vaticano di produrre le venti penne che faranno anche da ‘segnaposto’ durante l’incontro dei rappresentanti della Chiesa d’Oriente e Papa Francesco. In legno d’ulivo, pianta di profonda sacralità e spiritualità’. Con un piccolo innesto di acero quella speciale per il Santo Padre.


Un po’ di Catanzaro arriverà in Libano e in molti altri Paesi del mondo. ‘La soddisfazione più grande per me – prosegue Scarpino – è proprio per la mia città. La mia città che amo, e che ‘servo’ col mio lavoro, con la mia attività, come credo accada a chiunque faccia le cose con impegno nel proprio campo. Ne approfitto anche per esprimere ancora la mia stima e riconoscenza all’ex assessore Alessio Sculco, che mi ha seguito passo dopo passo in questa mia avventura, credendo nelle iniziative, nelle piccole e grandi imprese di questa terra’.