Quantcast

“Ripartire per il futuro”, Unindustria Calabria lancia la sfida per un nuovo inizio

L’Assemblea è aperta e si svolgerà il prossimo 6 luglio alle ore 11 su piattaforma digitale

“Ripartire per il futuro”. È questo il titolo scelto da Unindustria Calabria per l’Assemblea pubblica che si terrà il prossimo 6 luglio, alle ore 11, su piattaforma digitale. L’iniziativa mira a promuovere il dibattito sulle scelte future dei governi, centrale e regionale, e sulle sfide che attendono la nostra regione in vista delle ingenti risorse che saranno destinate al territorio per la ripresa e per lo sviluppo. Per accedere alla piattaforma basterà collegarsi su unindustriacalabria.congressotop.it, cliccare sull’evento, registrarsi con nome e cognome ed accedere alla stanza virtuale.  

aldo ferrara

“Dobbiamo pensare ad una nuova fase”

«Abbiamo pensato di dare all’evento questo titolo – spiega il presidente di Unindustria Calabria, Aldo Ferrara – perché ci auguriamo di essere finalmente in una fase post pandemica e che quindi l’emergenza sanitaria, quella più acuta, sia passata. Più che “ripartire”, speriamo sia un nuovo inizio “per il futuro”. Nonostante il nostro impegno, insieme anche ai corpi intermedi, per sollecitare la Regione Calabria al fine di mettere in piedi bandi e azioni – ed in parte su alcune misure ci siamo riusciti – volte a preservare il sistema produttivo, adesso dobbiamo cominciare a pensare ad una nuova fase con una logica di lungo respiro». 

Gestione delle risorse: una fase delicata

«Ci sono due grandi temi che devono essere secondo noi considerati delle priorità – ha detto Ferrara -, innanzitutto pensare che mai come adesso ci sono state una quantità di risorse così imponenti a disposizione del nostro Paese ed anche della nostra regione. Da una parte, infatti, abbiamo il Piano nazionale di ripresa e resilienza, che servirà a colmare il gap infrastrutturale che abbiamo rispetto alla media nazionale ed europea. E per farlo abbiamo bisogno di infrastrutture digitali, logistica avanzata, mobilità sostenibile. Ci aspettiamo, ovviamente, anche una grande mobilitazione delle risorse, non solo pubbliche, ma anche private, soprattutto per quanto riguarda la transizione digitale e la transizione ecologica – attivando anche le filiere, perché queste costituiscono e costituiranno un grande moltiplicatore. Dall’altra parte – continua il presidente di Unindustria Calabria -, dobbiamo utilizzare i fondi 2021-2027 per un grande Piano straordinario di incentivazione agli investimenti: sarà necessario creare opportunità che riescano ad incrociare quelle che sono le motivazioni, i sogni e le ambizioni delle persone e degli imprenditori. Solo così riusciremo a costruire un sistema industriale evoluto, moderno e al passo con i tempi». 

“Dobbiamo aiutare i giovani ad essere ambizioni, coraggiosi e protagonisti del loro futuro”

«Al centro dell’azione di Confindustria ci sono certamente i giovani – conclude Ferrara – poiché il più grande investimento che un territorio può fare per il futuro è proprio sui propri giovani e noi, da questo punto di vista dobbiamo costruire opportunità affinché i giovani, soprattutto quelli ad alto tasso di scolarizzazione, non se ne vadano e, nello stesso tempo, spingere i giovani a prendere il futuro con le proprie mani, senza aspettare la manna dal cielo. Dobbiamo aiutarli ad essere ambiziosi, coraggiosi ed protagonisti del loro futuro e della nostra terra, partecipando attivamente allo sviluppo del territorio».

Il programma

Dopo i saluti del presidente f.f. della Regione Calabria, Antonino Spirlì, i lavori saranno aperti dal presidente di Unindustria Calabria, Aldo Ferrara. Il dibattito vedrà la partecipazione del vice presidente di Confindustria, Natale Mazzuca; il Sottosegretario di Stato per il Sud e la coesione territoriale, Dalila Nesci ed il Segretario generale CISL, Luigi Sbarra. Le conclusioni saranno affidate al presidente di Confindustria, Carlo Bonomi. Modera: Rosalba Reggio, responsabile Web TV Sole 24 ore. 

locandina unindustria