Quantcast

Aggredito dopo aver redarguito un automobilista che aveva fatto un’inversione pericolosa sulla statale 106

Sul posto i carabinieri

Più informazioni su

Un’aggressione in piena regola. E tutto per aver redarguito il conducente di un’auto che aveva fatto un’inversione non consentita sul tratto di 106 al bivio di Squillace.

Accade tutto sabato sera. Un uomo, che percorreva  quel tratto di strada, ad un certo punto si trova davanti un’auto che aveva appena effettuato un’inversione di marcia pericolosa e non consentita.

Come accade spesso, l’automobilista si rivolge all’altro conducente in maniera forse veemente, ma comunque con il solo scopo di redarguirlo e in ogni caso sotto effetto dello spavento per quanto accaduto.

In pochi secondi l’automobilista si trova vittima di una vera e propria aggressione. Viene inseguito, raggiunto, e al semaforo avvicinato da chi prima, incurante di ogni regola aveva fatto una manovra azzardata su una strada notoriamente pericolosa.

Il finestrino dell’auto viene sfondato e l’uomo insultato e picchiato. Il tutto mentre una donna, a bordo con l’aggressore, cerca di nascondere la targa dell’auto con il corpo. Sforzo inutile perchè l’automobilista, malgrado  l’aggressore si sia dato alla fuga, riesce comunque a fotografare tutto e sporgere regolare denuncia ai carabinieri.

Più informazioni su