Quantcast

Curva glicemica, al Pugliese-Ciaccio segnalati disguidi per la prenotazione

A segnalarlo, un cittadina che lamenta la mancata comunicazione sulle modalità di prenotazioni e sulla precedenza riservata solo alle donne in gravidanza

Più informazioni su

Una segnalazione arrivata alla nostra redazione su di una problematica sanitaria, può essere spunto per la sua risoluzione o per meglio chiarire le dinamiche che l’hanno prodotta. Per tale motivazione si è voluto ascoltare la signora A.M. (per la privacy si scriveranno solo le iniziali) di Catanzaro, che ha spiegato la problematica da lei vissuta alcuni giorni fa, recandosi all’Ospedale Pugliese – Ciaccio di Catanzaro per effettuare un esame clinico. “Sono purtroppo cardiopatica e soffro, inoltre, di artrite reumatoide e trombofilia – dichiara la signora – circa 15 giorni fa mi ero prenotata tramite “CUP” per un esame clinico, esattamente il controllo della “Curva glicemica”, che mi era stata prescritta da uno specialista e che volevo effettuare presso l’Ospedale Pugliese. Ho regolarmente registrato la ricetta all’ufficio ticket, tuttavia non ho avuto la possibilità di eseguirlo, per alcune motivazioni che ho appreso solo in quel momento”. “Intanto – continua la signora – solo allora sono stata informata che la prenotazione non doveva essere effettuata tramite “CUP” (lo stesso ospedale aveva informato l’ufficio con una circolare di tale regola) poiché non preposto a farla, bensì chiamando direttamente il “Reparto di Diabetologia” dell’ospedale, ma questo non mi era stato comunicato da nessuno”.

L’inconveniente

Se questo piccolo “handicap” poteva essere superato, non sarebbe stato possibile evitare la problematica che la signora ha successivamente esposto. “Al disguido della prenotazione, per cui anche altre persone sono state rimandate indietro – dice ancora la signora – si è aggiunta un’altra questione, poiché sono stata informata dallo stesso personale, che l’Ospedale effettua quel particolare esame prediligendo le donne “in gravidanza”. Mi chiedo allora se un esame così importante come la “Curva glicemica”, possa avere una condizione “selettiva”, il diabete o “l’insulino resistenza” può colpire chiunque e non solamente le donne in “stato interessante”.

“Ho comunque fatto reclamo in direzione – conclude la signora – facendo le mie dimostranze. Mi è stato detto che per l’esame della “Curva glicemica” vengono “seguite” per prima le donne in stato di gravidanza (che hanno la precedenza ma che comunque anche per loro se ne possono effettuare solo un certo numero) e dunque per tale motivo la possibilità per i pazienti che non siano in gravidanza certamente si riduce, anche perché non se ne possono effettuare tanti in un solo giorno. Successivamente per me è stata fatta un’eccezione a causa del disguido della prenotazione effettuata tramite “CUP”, per cui sono riuscita a fare l’esame della “Curva glicemica” dopo qualche giorno, presumo però che la problematica resti e tante altre persone potrebbero trovarsi in quella stessa situazione, dovendo quindi recarsi in qualche laboratorio privato a pagamento. Io ho la possibilità di usufruire dell’esenzione ticket, ma questi esami, come anche le visite private, hanno dei costi che potrebbero non essere alla portata di tutti. Molte volte anche io devo fare riferimento a specialisti privati visti i lunghi tempi di attesa”.

 

 

Più informazioni su